Categorie
Edizioni locali

Vernio, Festa della Polentina all’insegna della pioggia: salta la sfilata storica


Redazione


Una festa all’insegna della memoria, della tradizione e, purtroppo, della pioggia. Ieri si è svolta a Vernio l’antica Festa della Polentina, la 435ª rievocazione storica dell’atto di generosità dei Conti Bardi verso il popolo affamato e stremato dal passaggio delle truppe mercenarie nel lontano XVI secolo. Invece della sfilata in costume dei figuranti, che si sarebbe dovuta tenere lungo le strade del paese, tutto è stato concentrato all’interno dell’Oratorio di San Nicola di Bari a San Quirico di Vernio. Qui hanno trovato spazio le numerose autorità provenienti da tutta la provincia di Prato, il presidente nazionale dell’Associazione Giochi Storici e numerosi gruppi in costume delle principali città toscane.A fare gli onori di casa, Piero Sarti, il presidente della Società della Miseria, vera e propria anima della Festa della Polentina, e il sindaco di Vernio Paolo Cecconi. Inoltre sono intervenuti il presidente della Provincia di Prato Lamberto Gestri, l’assessore del Comune di Prato Annalisa Nocentini, il sindaco di Poggio a Caiano Marco Martini, il vicesindaco di Vaiano Primo Bosi, il vicesindaco di Carmignano Elisa Drovandi, l’assessore comunale di Montemurlo Gianluca Giancaterino, la consigliera comunale di Cantagallo Diletta Dugini, il presidente della Comunità Montana Marco Ciani, il presidente  nazionale dei Giochi Storici Carlo Capotosti e un amico della Società della Misera, arrivato addirittura da Vienna, Karl Weiss.Il rammarico per il maltempo non ha però sciupato la festa che per quasi due ore ha visto sfilare tanti personaggi con abiti storici all’interno delll’Oratorio. La cerimonia è stata aperta dal Gruppo storico dei Conti Bardi e della Società della Miseria a cui hanno poi fatto seguito i figuranti e i musici provenienti da Firenze e Arezzo, da Pisa e Bagno a Ripoli, da Sarteano e  Pescia, dalle vicine Montemurlo e Pistoia, nonché il gruppo dei Valletti del Comune di Prato sulle note delle classiche chiarine, i rappresentanti della Provincia di Prato e della Filarmonica “G.Verdi” di Luicciana.Dopo le varie esibizioni, sono intervenute alcune autorità che hanno portato i propri saluti.“Sono contento che tutti, nonostante il cattivo tempo, si possa essere comunque qui per questa storica manifestazione – ha spiegato Piero Sarti – Il ringraziamento va a tutti i gruppi che sono venuti qui a Vernio e questa è l’occasione per sottolineare il rapporto di amicizia che abbiamo verso le altre città e le altre persone”. Un saluto particolare è andato al Gruppo storico di Firenze, città con la quale Vernio ha sempre avuto un legame molto stretto, creato anche dal rapporto di parentela tra la Contessina dei Bardi divenuta poi moglie di Cosimo dei Medici.Un apprezzato ringraziamento all’evento è stato fatto anche dal presidente della Provincia Lamberto Gestri che ha riconosciuto l’importanza della storica rievocazione: “Questa è una meravigliosa festa che mischia tradizione, storia, cultura e folklore – ha detto il presidente – Il Gruppo storico dei Conti Bardi così come la Festa della Polenta rappresentano il segno vero della passione dei cittadini della Val di Bisenzio nel conservare e valorizzare le tradizioni di questo luogo”.Successivamente la Società della Miseria ha consegnato a tutti i gruppi storici una targa in ricordo della Festa di questo anno. L’evento è proseguito secondo tradizione, ovvero con la lettura della pergamena che rievocava l’atto di generosità dei Conti Bardi verso la popolazione affamata e poi il taglio di una polenta di farina di castagne preparata dai cuochi del paese.Le autorità hanno trovato posto nel salone consiliare del palazzo del Comune dove hanno potuto assaggiare un piatto di polenta con aringhe e baccalà.Il pranzo per i figuranti si è svolto all’interno dell’ex Meucci, dove i cacciatori di Vernio hanno preparato buoni piatti per tutti. Nel pomeriggio la festa è stata aperta ai cittadini, con l’offerta a ciascuno delle porzioni di polenta di castagne, del baccalà e delle arighe.
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia