Categorie
Edizioni locali

Vernio, il Comune va incontro a famiglie e aziende in difficoltà: possibilità di ritardare il pagamento di tasse e servizi


Redazione


Anche a Vernio  la crisi si fa sentire sempre di più mettendo in ginocchio il tessuto sociale e produttivo. Una situazione sempre più difficile sottolineata dalle continue visite negli uffici del sindaco e degli assessori da parte di capofamiglia, lavoratori e da imprenditori del tessile manifatturiero, che non sanno più come far fronte alle necessità delle loro piccole imprese e delle loro famiglie. Con gli artigiani contoterzisti del settore tessile il sindaco Paolo Cecconi aveva fatto un incontro all’inizio dello scorso agosto, e proprio per dare un segnale di vicinanza, pur nella limitatezza delle competenze dell’Ente Locale, anche se si tratta poco più di sostegno morale, è stato approvato dalla Giunta una direttiva che prevede la possibilità, per le imprese artigiane del tessile manifatturiero e per le famiglie monoreddito, che vedono venir meno le proprie fonti di sostentamento a causa licenziamento o provvedimento di cassa integrazione o di mobilità, di poter prorogare il pagamento delle competenze 2009 della Tarsu (tassa sullo smaltimento rifiuti) addirittura fino al 30 settembre 2010 presentando apposita istanza all’Ufficio Tributi del Comune.  “Siamo coscienti che questa misura non risolverà certo le problematiche delle nostre famiglie e delle piccole imprese, ma senza dubbio aiuterà a dare un po’ di respiro ai portafogli dei soggetti più deboli” commenta l’assessore ai tributi Paolo Lucarini. Per il sindaco Paolo Cecconi “Il Comune, pur nella ristrettezza dei suoi margini di operatività,  sta cercando di fare il possibile per cercare di aiutare chi vive situazioni di difficoltà e rischia l’emarginazione”. Un’ altra decisione, rivolta a coloro che non riescono più a far fronte alle esigenze anche primarie, di sussistenza era già stata oggetto della sensibilità della Giunta municipale. Infatti, in questa logica, con una recente deliberazione è deciso di valutare caso per caso, insieme al servizio sociale territoriale le situazioni di disagio socio-economico.  “In particolare  – spiega l’assessore ai Servizi Sociali Antonella Ciolini – per quei nuclei familiari con componenti in stato di disoccupazione o in cassa integrazione che, indipendentemente dalle risultanze della dichiarazione Isee, che è legata ai redditi percepiti nell’anno 2008, possono aver diritto a proroghe o facilitazioni nei pagamenti per i servizi mensa e trasporto scolastico”.
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia