Categorie
Edizioni locali

Una cittadella della cultura in pieno Macrolotto 0 dove c’era una fabbrica: viaggio all’interno della ex Pieri


Con le telecamere siamo entrati dentro la storica filatura di via Pistoiese dove il Comune realizzerà una medialibrary, un bar e uno spazio coworking, ma anche un corridoio-piazza per collegare via Filzi a via Pistoiese e dare così più respiro al congestionato quartiere ad alta presenza cinese


Redazione


La svolta per il Macrolotto Zero si nasconde dietro un anonimo cancello al civico 158 di via Pistoiese, incastrato tra una fila di abitazioni tra il bar Lo Scalino e piazzetta Unicredit, nel cuore pulsante di questo quartiere ad altissima presenza cinese, spesso al centro delle cronache per problemi di degrado e di convivenza. Dietro quelle due porte in ferro c'è una sfida importante e difficile che il Comune vuole assolutamente vincere. In anteprima assoluta, le telecamere di Notizie di Prato-Toscana Tv sono entrate nell'ex fabbrica Pieri, ben 3.000 metri quadrati a cavallo tra via Filzi e via Pistoiese, il perno centrale dell'intervento di riqualificazione della zona, il famoso Piano di innovazione urbana che ha ottenuto oltre 6 milioni di finanziamento regionale per un investimento complessivo di 8.236.000 euro. 
L'assessore alle opere pubbliche Valerio Barberis, ci fa da Cicerone per spiegarci come il passato si trasformerà in futuro attraverso una medialibrary, un bar, uno spazio coworking e una piazza che metterà in comunicazione le due prinicipali arterie stradali del Macrolotto Zero.
Frutto di una recente cessione gratuita al Comune, legata a un meccanismo di perequazione del piano attuativo "Albini e Pitigliani" (LEGGI), questa storica filatura colma il gap di spazi pubblici del quartiere che ha sempre reso difficile la modifica dell'assetto e quindi delle sue criticità. Lasciandoci alle spalle il cancello, attraverso un corridoio tra le facciate laterali delle abitazioni confinanti, ci troviamo davanti al grande capannone. Il piano superiore sarà demolito e ricostruito più piccolo e contemporaneo per ospitare il coworking. Il piano di sotto sarà ristrutturato trasformandolo in un bar di servizio, ma non solo, alla medialibrary con area eventi che sorgerà sul lato sinistro e che come la "madre"Lazzerini seguirà il modello della fabbrica della cultura. Tutta la parte destra sarà buttata giù perchè assieme al capannone attiguo per cui è in corso l'esproprio, diventerà un grande spazio pubblico all'aperto con parcheggio sul lato di via Filzi e percorso pedonale da via Pistoiese, costellato da panchine e aree verdi. In sostanza il progetto sfrutta la propria archeologia industriale, testimonianza del passato glorioso del distretto tessile, per dare spazi pubblici e respiro a un quartiere troppo congestionato.
Quando? "Non è il libro dei sogni come dice qualcuno. – afferma Barberis – Ci siamo. Entro questo mese sarà approvato il progetto esecutivo. Conclusa la procedura di esproprio potremo andare a gara, ipotizziamo nella primavera 2018. Siamo in una zona molto particolare, densa e complessa che necessita di funzioni pubbliche. Si dice sempre che l'unica proprietà del Comune in questa area sono i marciapiedi e le strade. Con questo edificio si va ad acquisire  uno spazio che sarà in parte demolito ma che di fatto costituirà una nuova polarità pubblica con piazze, giardini e funzioni pubbliche. Nella filosofia generale di questa amministrazione – conclude Barberis – saranno gestite sia direttamente dal Comune che aperte all'interpretazione dell'associazionismo e dei cittadini".

L'intervento sull'ex fabbrica Pieri ha un costo di circa 2,8 milioni di euro più Iva. Il piano sul Macrolotto Zero si completa con la realizzazione del mercato metropolitano coperto in un'altra ex fabbrica che si affaccia su via Giordano ed è stata acquisita attraverso la perequazione legata all'ampliamento del mega ristorante cinese di via Bonicoli (LEGGI), e con il playground che sorgerà a poca distanza, all'incrocio tra via Giordano e via Colombo.
"Un posto che vivrà e che attrarrà persone e ragazzi. – commenta il sindaco Matteo Biffoni –  Ci auguriamo di partire il prima possibile con i lavori  perchè per la città e per quel quartiere sarà davvero uno straordinario spazio di aggregazione. Il Macrolotto Zero avrà un altro volto e speriamo che questo inneschi anche un percorso positivo per la riqualificazione della zona attorno. E' una delle tante sfide che abbiamo lanciato per cambiare questa città. I progetti in campo già finanziati sono tanti. Le ruspe saranno presto visibili". 
E.B.
Edizioni locali: Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia