Categorie
Edizioni locali

Ultimo week end con “Lo stile dello zar”. Andrea Cavicchi: “Chi ancora non l’ha visitata non perda l’occasione di farlo”


Redazione


Domenica 10 gennaio chiude la mostra “Lo Stile dello Zar”; il grande evento espositivo che ha coinvolto tutta la città è giunto alle sue battute finali dopo quasi quattro mesi di successo e incanto per tutti i visitatori che hanno scelto di lasciarsi affascinare dalla magia della corte Russa e dall’incredibile maestria delle manifatture Toscane.”Una mostra ricca e originale – dice Andrea Cavicchi, presidente della Fondazione Museo del Tessuto – frutto di un progetto internazionale ideato – proprio in virtù della tradizione e della storia di questa sorprendente città toscana – dalla Fondazione Museo del Tessuto di Prato con il Museo Ermitage e la Fondazione Ermitage Italia, condiviso con il Polo Museale Fiorentino, l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze e con la collaborazione eccellente del Museo del Cremlino e del Museo Statale Russo”.La mostra, inaugurata lo scorso settembre, ci ha raccontato la nascita e lo sviluppo dei rapporti culturali e commerciali tra l’Italia e l’antica Moscovia, attraverso il commercio delle stoffe italiane e delle merci di lusso, rapporti testimoniati da più di 130 capolavori esposti nelle sale del Museo del Tessuto di Prato. Quindi questo week end rappresenta l’ultima occasione quindi per ammirare tra i tanti capolavori: i meravigliosi abiti provenienti dall’inedito guardaroba dello Zar, i  felon spettacolari realizzati con una ricchezza di filati d’oro e d’argento dalla rara bellezza, impreziositi da ricami, perle di fiume e pietre preziose. E ancora, i bellissimi dipinti realizzati dai più importanti Maestri del tempo come il Ritratto di giovane donna di Tiziano Vecellio e l’Allegoria di Paris Bordon, le eclatanti manifatture italiane del tempo come il monumentale paliotto della Galleria dell’Accademia di Firenze eseguito da Jacopo Cambi nel 1336 per l’altare maggiore di Santa Maria Novella o l’eccezionale dalmatica del Museo dell’Opera del Duomo di Orvieto, con ricami d’oro e fili di seta realizzati su disegno di Botticelli.”Il prossimo week end – aggiunge Cavicchi – dunque vi invito ad approfittare delle diverse possibilità di visita allo “Stile dello Zar” che il Museo del Tessuto mette a disposizione di tutta la cittadinanza, per non lasciarvi scappare l’occasione di ammirare un insieme di tale bellezza ed importanza o per apprezzarlo di nuovo e ancora, prima che le opere tornino ai Musei di provenienza. Domani, sabato 9 gennaio potrete passeggiare tra le opere in compagnia dell’ambasciatore russo Lichačev giunto in visita diplomatica alla corte del Granduca Ferdinando de’ Medici in una visita animata che unisce performance attoriale e curiosità sulla corte dello Zar mentre domenica 10 gennaio saranno ben tre gli appuntamenti con le visite guidate per singoli visitatori senza obbligo di prenotazione. Inoltre sempre domani, l’assessorato alla Cultura del Comune di Prato ha organizzato alle 15.30 una visita guidata gratuita alla mostra (biglietto unico alla tariffa speciale di 3 euro) che ha riscosso un grande numero di adesioni, convincendo il Museo del Tessuto ad organizzare una seconda visita guidata alle ore 16 alle stesse condizioni. Per tutte le famiglie invece che decideranno di visitare la mostra con i propri figli nel pomeriggio di domenica 10 gennaio saranno organizzate due ore di divertenti e creativi laboratori per i più piccini dedicati ai temi della mostra e al mondo del tessuto”.”Un ricco calendario di possibilità dunque che mi auguro possa soddisfare le molte richieste e le diverse esigenze di tutti voi – chiude Cavicchi – e che spero vivamente vi convinca a non lasciarvi sfuggire un bellissimo  progetto che ha mobilitato e coinvolto tutte le diverse istituzioni e le forze economiche territoriali, unite nel confermare la centralità di Prato, la sua vitalità e la ricchezza di offerte e potenzialità”.
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia