Categorie
Edizioni locali

Troppi ritardi e disservizi, la Regione sanzionerà Autolinee Toscane


L'annuncio dato dall'assessore regionale Baccelli che stamani in Provincia ha incontrato tutti i sindaci del territorio. Allo studio anche un tavolo per rivedere la nuova organizzazione delle linee


Redazione


La Regione sanzionerà Autolinee Toscane per le corse che  sono saltate e per quelle  non effettuate.  "Doveroso e inevitabile – ha annunciato l'assessore regionale ai trasporti Stefano Baccelli – laddove ci siano stati salti di corse ingiustificati che il soggetto pubblico, quindi la Regione, proceda contro il gestore".  
Non solo il T2, iniziato il primo novembre con una riorganizzazione del servizio nel territorio pratese, sarà rivisto e verranno ripristinate tutte le corse scolastiche. Decisioni che sono state prese in occasione del tavolo fra Regione e sindaci richiesto  dalla consigliera regionale Ilaria Bugetti. "Occorre aggiornare e modificare il piano attuale del T2 in base alle proposte di sindaci e  del presidente della provincia – ha spiegato Baccelli – ora verrà convocato un tavolo con At, la Regione, Comuni e Provincia per attuare le modifiche proposte. Si lavorerà anche per un'integrazione fra ferro e gomma, uno degli indirizzi della seconda fase prevista dalla gara". Non solo integrazione fra treni e autobus ma anche di tariffe, proposta fatta con una mozione firmata da Bugetti. "E' necessario- spiega la consigliera regionale- quando si parla di treni autobus e tram o di passaggio di provincia e  fra i comuni dell'area metropolitana, per chi ha corse predestinate per andare a scuola al lavoro, poter usufruire di un biglietto unico. Ringrazio l'assessore Baccelli che ci sta già lavorando.  Un passaggio che migliora la vita ai pendolari perchè agisce nell'ambito della fascia chilometrica e oraria". 
Le richieste dei sindaci, che a loro volta hanno raccolto quelle dei cittadini, sono fondamentalmente due: ripristino delle corse scolastiche soppresse  rispetto degli orari e delle corse programmate e potenziamento per le zone più periferiche. "E' inaccettabile che i ragazzi non riescano a raggiungere la propria scuola o arrivino in ritardo – ha spiegato Simone Calamai presidente della Provincia-  Non possiamo più accettare come risposta la criticità dell'alluvione. Chiediamo anche che vengano potenziati i collegamenti con il Montealbano e la Val di Bisenzio, dove dopo il T2 si sono verificate numerose criticità". Nella fase di riorganizzazione inziata il1 novembre,  a Prato non erano previste cancellazioni di corse, ma soltanto una riorganizzazione, quindi le modifiche che verranno apportate saranno a costo zero. Intanto sabato una delegazione di utenti di At, ha protestato davanti alla biglietteria di piazza della Stazione, tra le richieste fatte anche quella di ripristinare le corse dopo le 22 per agevolare l'utilizzo del trasporto pubblico anche da parte di chi lavora fino a tarda sera. 
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia