Categorie
Edizioni locali

Torna il sereno dopo il vertice di maggioranza: Leonardo Soldi e Gianni Cenni assessori a dicembre


Redazione


Una data certa (inizio dicembre) per la nomina dei due nuovi assessori, un impegno a dare priorità ai provvedimenti per il decoro del centro storico e, soprattutto, un patto per realizzare una linea diretta tra giunta e partiti di maggioranza, in modo da concordare insieme le prossime mosse, a partire dal nodo delicato delle nomine.E’ tornato il sereno in casa del centrodestra, dopo i tuoni e i fulmini agostani. Ieri pomeriggio, durante il vertice di maggioranza, il sindaco e i rappresentanti dei partiti che lo sostengono hanno trovato la quadratura del cerchio per affrontare, con rinnovato spirito unitario, le sfide del prossimo autunno. Era stato soprattutto la Lega a battere i piedi ed è la Lega, alla fine, a portare a casa quanto chiedeva, lamentando di aver fatto finora solo la parte di chi fa un passo indietro per il bene di tutti. Così a inizio dicembre (e non a febbraio come inizialmente era stato stabilito) Leonardo Soldi passerà dal ruolo di consigliere delegato allo Sport a quello di assessore, e con lui anche il pdl Gianni Cenni, che avrà l’urbanistica. Così già dalla prossima giunta sarà affrontato il nodo del decoro del centro storico con una serie di provvedimenti che puntano a chiedere garanzie di qualità per le nuove aperture e maggiori controlli sugli esercizi già aperti, anche se è stata bocciata la richiesta della Lega di una sospensiva generale nel rilascio delle licenze in attesa del varo del provvedimento.”Siamo soddisfatti – ha detto alla fine del vertice l’eurodeputato Claudio Morganti, segretario regionale del Carroccio -. Abbiamo finalmente una data sicura per il nostro ingresso ufficiale in giunta e abbiamo ricevuto quelle garanzie che chiedevamo a tutela del nostro centro storico, che rischiava di finire in mano dei soli commercianti extracomunitari”.Ma dal vertice di ieri è uscita anche l’indicazione di un maggior raccordo tra giunta e consiglieri di maggioranza. Cosa su cui si è speso molto l’onorevole Riccardo Mazzoni, coordinatore provinciale del Pdl. “Abbiamo deciso un metodo di lavoro che porterà la giunta e i partiti che la sostengono a lavorare spalla a spalla – dice -. Era necessario creare un raccordo con i capigruppo, in modo da evitare che in aula arrivassero provvedimenti già pronti e solo da votare. Così, invece, tutti i consiglieri saranno coinvolti”. A questo proposito è stato deciso di tenere, a cadenza almeno mensile, riunioni che vedano intorno allo stesso tavolo, il sindaco, i capigruppo di maggioranza e i leader dei partiti. C’è poi la questione delle nomine, che tra breve impegneranno la maggioranza in un gioco che, almeno per il Consiag, si giocherà giocoforza anche lontano da Prato. “Qui – ribadisce Mazzoni – si giocherà molta della nostra credibilità. Sarà necessario, infatti, dare alla città un forte segnale di discontinuità con il passato. La città, votandoci, ci ha chiesto il cambiamento e noi dovremo essere in grado di darglielo”. Il che, tradotto, significa che non saranno più accettate scelte come quella di Beccaglia al Pecci.
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia