Categorie
Edizioni locali

Restaurati i tabernacoli di Fornacelle e del Campo Santo


Un intervento importante di ripristino e conservazione di due beni storici, finanziato dall'associazione Il Borgo della Rocca, con il sostegno del Comune di Montemurlo e delle famiglie Cecconi e Fossi


Redazione


Inaugurazione del restauro dei tabernacoli di Fornacelle e del Campo Santo sulla via Montalese. Un intervento importante di ripristino e conservazione di due beni storici, finanziato dall'associazione Il Borgo della Rocca, con il sostegno del Comune di Montemurlo e delle famiglie Cecconi e Fossi, che ha riportato all'antico splendore due simboli, non solo della devozione popolare, ma più in generale della storia locale.
 I due tabernacoli, infatti, si trovano lungo il percorso della processione della Croce, la festa patronale di Montemurlo, che ricorre oggi 3 maggio. Quando, secondo una tradizione che dura da cinque secoli, la croce astile in argento alle ore 16 lascerà la pieve di San Giovanni Decollato alla Rocca e sarà fatta sfilare per le vie del paese fino al luogo del suo miracoloso ritrovamento.

Il restauro del tabernacolo ha visto un lavoro di ribassamento del terreno di circa 70 centimetri. Nei secoli, infatti, il torrente Agna aveva riversato sul terreno numerosi detritiche si erano accumulati intorno al manufatto. Inoltre, sono stati consolidati gli intonaci e gli elementi in laterizio dei cornicioni e dei gocciolatoi di gronda ed è stata ripulita la croce lignea ospitata all'interno dell'edicola. Anche l'area circostante è stata risistemata con la messa a dimora di di due piante di arancio amaro ai lati del tabernacolo. Il Comune di Montemurlo, invece, si è occupato dell' illuminazione esterna e d'ora in avanti curerà la manutenzione della piccola area a verde. "L'idea del restauro dei tabernacoli nasce dal progetto condiviso di valorizzazione della Festa della Croce e allo stesso tempo di salvaguardia del patrimonio dell'identità storica del territorio – spiega Alessandro Franchi, presidente dell'associazione Il Borgo della Rocca- Vogliamo in questo modo tutelare e trasmettere alle nuove generazioni le tradizioni legate a questa festa e non disperdere la nostra identità».
Anche il sindaco Mauro Lorenzini ha apprezzato il lavoro congiunto che ha portato al risultato del restauro: "Il valore aggiunto di questo intervento è la sinergia che l'associazione Il Borgo della Rocca ha attivato tra pubblico e privato. Un restauro importante che va nella direzione della tutela del patrimonio e della storia locale".
Tra le curiosità del restauro, Valerio Palandri, racconta di un simpatico ritrovamento:"Durante i lavori di scavo del terreno interno al tabernacolo del Campo Santo ci siamo imbattuti in una grossa tartaruga che aveva messo casa qui. Allora ci siamo preoccupati di trasferirla in un luogo sicuro e l'abbiamo fatta vedere ad un veterinario che ci ha detto che ha più di 120 anni. Un fatto simpatico che ci fa pensare che ancora una volta la Croce ha fatto un piccolo miracolo".

Edizioni locali: Montemurlo
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia