Categorie
Edizioni locali

Resta il divieto per l’alcol, ma il week end si chiude più tardi. Caverni: “La Fiera ci sarà anche l’anno prossimo”


Redazione


Nessuna deroga alla vendita dell’alcol nei chioschi ambulanti della Fiera, ma sì alla possibilità di tenere aperto mezzora in più nelle serate di venerdì e sabato, quelle più frequentate. E, soprattutto, la conferma che la Fiera si farà anche il prossimo anno. E’ stata una giornata densa di impegni per l’assessore alle attività produttive Roberto Caverni che ha dovuto affrontare la protesta degli ambulanti per il divieto di vendere alcolici nei chioschi della Fiera. A loro l’assessore ha spiegato che il Comune non ha fatto altro che applicare una legge votata dal Parlamento. Una legge che potrebbe essere modificata dalla Camera anche in tempi brevi ma che adesso non può che essere applicata. Tra l’altro nel caso di Prato non poteva essere usato nemmeno l’escamotage inventato da Renzi a Firenze per consentire ai trippai di continuare a vendere il vino con il lampredotto. Il sindaco di Firenze, infatti, ha equiparato i chioschi fissi agli esercizi in struttura ma questo, naturalmente, non è possibile farlo per una realtà come la Fiera che resta aperta solo pochi giorni. Alla fine, comunque, i commercianti hanno fatto buon viso a cattiva sorte, ottenendo però una concessione dal Comune: con lo slogan “una birra in meno ma un panino in più” hanno avuto l’ok ad una deroga all’orario di chiusura inizialmente fissato per mezzanotte. Il venerdì e il sabato, così, i chioschi potranno restare aperti mezzora in più.Intanto ieri sera l’assessore Caverni ha visitato la Fiera. “Ho visto tanta gente – dice – e anche tante famiglie. Sicuramente un buon segno e la dimostrazione che la Fiera è ancora un evento per tanti pratesi. Mi sento quindi di assicurare che l’impegno del Comune non verrà meno e anche il prossimo anno la Fiera tornerà puntuale. Nel frattempo cercheremo il modo di razionalizzare i costi, in modo da ridurre a zero gli sprechi”. Anche perché oggi la Fiera costa alle casse del Comune 175mila euro tondi tondi, derivanti dai 200mila euro di spesi coperti appena da 25mila euro di incassi per occupazione del suolo pubblico. Una cifra che, in tempi come questi, appare eccessiva.
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia