Categorie
Edizioni locali

Prato nelle aree di crisi: Cenni ringrazia Matteoli, l’Attucci pungola la Provincia, Magnolfi attacca Martini


Redazione


All’indomani dell’inserimento di Prato tra le aree di crisi si susseguono le reazioni politiche, mentre il sindaco Roberto Cenni conferma che il ministro Altero Matteoli sarà a Prato, ai primi di ottobre, anche per prendere visione di ciò che necessità al distretto. “Ho ringraziato il Ministro – ha affermato il sindaco – che è stato artefice del risultato ottenuto dal nostro distretto. Si tratta di una grande partecipazione ad affrontare e risolvere le profonde difficoltà del nostro territorio. Da parte sua ho avvertito una preziosa voglia di aiutarci. Sono davvero felice per l’interesse del ministro per Prato. Di qui la lunga conversione in merito all’attenzione alle opere infrastrutturali che rigurdano il riconoscimento a Prato di uno dei dieci nodi logistici d’Italia e le conseguenti opere strutturali adeguate all’importanza dell’infrastruttura”.Restando nel campo del centrodestra da sottolineare la soddisfazione di Cristina Attucci, capogruppo Pdl in Provincia: “In queste settimane c’è stato un grande gioco di squadra -dice – tra il lavoro del sindaco Cenni, l’impegno eccezionale del ministro Matteoli, la sensibilità del ministro Scajola e l’essenziale regia svolta dai dirigenti nazionali, regionali e locali del Pdl, a cominciare da Mazzoni e Bernocchi. C’è da augurarsi che da ora in avanti anche la Provincia riesca a rendere meno evanescente il proprio ruolo di coordinamento del Tavolo del Distretto. Finora abbiamo sentito soprattutto consigli e ammonizioni agli altri; se ci sono idee e progetti, ora è il tempo di metterli sul tavolo”.Soddisfazione anche da parte del consigliere regionale Alberto Magnolfi, che rivolge dure critiche al governatore Martini: “Trovo sconcertante la freddezza con cui il presidente della Regione Martini ha commentato lo straordinario risultato ottenuto con l’inserimento di Prato tra le aree di crisi – afferma Magnolfi – Sconcertante e preoccupante al tempo stesso. “Speriamo siano soldi veri” ha detto Martini. E’ una battuta infelice: i soldi sono verissimi, ma certo non verranno distribuiti per la strada. È il momento di mettere sul tavolo una capacità progettuale che la Regione, se avesse saputo e voluto svolgere i suoi compiti, avrebbe già dovuto coordinare e promuovere da anni, in stretta intesa con il territorio. Oggi Prato è ad una possibile svolta. E’ indispensabile che prevalga tra tutti l’unità di intenti, ma quella vera, non quella di certi pulpiti che predicano soltanto a senso unico. Il governo nazionale offre alla città e al suo territorio un riconoscimento ed un’opportunità di eccezionale rilevanza. Stendiamo pure un velo, senza dimenticarle, sulle evidenti responsabilità politiche di questi ultimi anni. Ma che almeno ci sia risparmiata una oziosa semina di dubbi, ora che su questi problemi il tempo delle chiacchiere è scaduto”.
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia