Categorie
Edizioni locali

Parcheggi per bici e mobilità elettrica, dopo il Covid il centro sarà con meno auto


Il consigliere delegato al centro storico, Giacomo Sbolgi mette sul piatto una serie di proposte per venire incontro alle nuove esigenze di bar e ristoranti


Redazione


Pone l'accento sulla necessità di rivedere la mobilità d'accesso al centro storico e i parcheggi residenti il piano di proposte presentato da Giacomo Sbolgi, consigliere comunale della lista Biffoni con delega del sindaco proprio alla cura del salotto buono della città. Un ripensamento a cui l'amministrazione comunale stava già lavorando da mesi ma che le conseguenze pratiche legate all'emergenza Covid costringono a rivedere su alcuni fronti, ad esempio sull'esigenza di bar, ristoranti e locali in genere (che riapriranno il 18 maggio) di avere più spazio all'esterno.
Vediamo dunque nel dettaglio le proposte di Sbolgi partendo proprio da quest'ultima necessità.
Allargare la zona pedonale dalle 18 all'1 e liberare aree e vie del centro spostando le auto dei residenti nei parcheggi di piazza del Mercato Nuovo e di piazzale Ebensee concessi gratuitamente. Aree di sosta che dovrebbero essere collegate al centro da navette elettriche e dove dovrebbe essere installato anche un deposito di bici e monopattini molto capiente.
A proposito di di questi mezzi ecologici alternativi all'auto sempre più diffusi tra la popolazione e di cui a breve sarà anche incentivato l'acquisto da parte del governo. Secondo il consigliere Sbolgi è necessario individuare tre o quattro punti strategici all'interno del centro, tra cui spazi al chiuso (hub), videosorvegliati e accessibili con un simbolico contributo in modo da permettere l'apertura e la chiusura, dove far parcheggiare in sicurezza biciclette e monopattini. 
Torniamo alle attività di ristorazione e agli esercizi pubblici. La riorganizzazione degli spazi interni necessaria per garantire il distanziamento tra tavoli comporterà un surplus di arredi tra sedie e tavoli. L'idea è di chiedere a Interporto la disponibilità di un hub adatto al temporaneo deposito di questo tipo di merce.
Ultima ma non meno importante c'è l'attenzione all'aspetto psicologico: "se fino a ieri non avevamo grossi problemi a frequentare luoghi chiusi, – spiega Sbolgi – probabilmente il timore del contatto ravvicinato con altre persone potrà portare a vivere maggiormente spazi aperti, quindi incentivare aperture all'interno di quello che è il centro commerciale naturale dovrà essere una priorità sia dell'amministrazione comunale sia di chi vorrà reinventarsi e costruire un futuro investendo nell'imprenditoria del commercio".  
 
Edizioni locali: Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia