Categorie
Edizioni locali

Montemurlo, la Festa dell’olio si dimostra più forte del maltempo e dell’annata di magra


Giù il sipario sulla quindicesima edizione. Quasi duemila persone nell'ultimo giorno di festa. Nell'album dei ricordi l'inaugurazione del restauro della compagnia del Corpus Domini


Redazione


Il maltempo non ce l'ha fatta a rovinare la festa dell'olio, che chiude questa sua quindicesima edizione con un bilancio positivo, nonostante la brutta annata per l'olio.
“Siamo soddisfatti, innanzitutto perché siamo riusciti a portare a termine il programma e non abbiamo dovuto rimandare la festa. – sottolinea Alessandro Franchi, presidente del Comitato Festa dell'olio – Poi, perché siamo riusciti a proseguire nel nostro impegno a favore del recupero del borgo della Rocca e con la presentazione del restauro dell'abside della Compagnia del Corpus Domini mettiamo appunto un altro importante tassello del nostro progetto. Ma certo non ci fermiamo qui, perché il prossimo obbiettivo è rappresentato dal recupero degli affreschi sulla leggenda della Croce nella pieve di San Giovanni”.

Con la giornata conclusiva di ieri, cala dunque il sipario su quella che è la principale manifestazione di promozione delle eccellenze dell'agro-alimentare montemurlese, che nonostante le previsioni meteo avverse, è riuscita a portare in piazza Castello alla Rocca quasi duemila persone, moltissime delle quali da fuori provincia. Le nuvole scure e la pioggerella della mattina avevano fatto temere il peggio agli organizzatori, che sono rimasti con il fiato sospeso fino al primo pomeriggio. Poi, un timido sole ha riscaldato l'atmosfera e gli animi, e la festa è potuta proseguire senza intoppi, facendo registrare il consueto “pienone” di presenze.
“La festa dell'olio, nonostante tutti i problemi per l'olivicoltura di quest'anno, ha dimostrato tutte le sue potenzialità di promozione storico, culturale e turistica del territorio. – sottolineano il sindaco Lorenzini e l'assessore alla promozione del territorio, Giuseppe Forastiero- La nostra non è una manifestazione prettamente commerciale legata all'olio, ma è un'opportunità per scoprire o riscoprire il nostro territorio e i tesori nascosti nel borgo della Rocca”.
Purtroppo, gli organizzatori hanno dovuto ridurre il programma delle esibizioni dei gruppi, ma comunque, non si è persa la “magia” della festa. I figuranti del Corteggio storico montemurlese, con i loro preziosi abiti rinascimentali, hanno girato tra le bancarelle di piccolo artigianato e prodotti tipici fin dalla mattina, mentre nel pomeriggio si è svolta la suggestiva esibizione degli sbandieratori. Pochi i produttori d'olio locali presenti a causa dell'annata sfavorevole, tra questi l'azienda agricola “il Poggiolino” che ha salvato (almeno in parte) la sua produzione dall'aggressione della mosca, grazie ad un'esposizione felice dei suoi oliveti in località Cicignano e ad una raccolta precocissima delle olive. Neppure la tradizionale distribuzione di fettunta si è fatta attendere e a fine serata sono stati distribuiti ben mille e seicento fette di pane e olio. Tra le curiosità, ci sono da segnalare l' esibizioni d'abilità dei boscaioli dell' Abat e le dimostrazioni degli antichi mestieri delle donne dell'associazione “Il Capitombolo”, che per tutta la giornata ha coinvolto i visitatori nel confezionamento di una lunga trina fatta al tombolo (un'antica arte riscoperta proprio a Montemurlo grazie ai corsi di educazione permanente), che il prossimo 3 maggio adornerà l'altare maggiore della Pieve in occasione della festa della Croce. Tra i tanti stand, i visitatori hanno potuto incontrare anche il punto informativo dedicato alla riserva naturale del Monteferrato con tanti divertenti giochi alla scoperta del territorio dedicati ai più piccoli, mentre l'assessore Luciana Gori, insieme alla consigliera comunale e presidente della Filiera corta, Amanda Ravagli si sono impegnate nella raccolta fondi a favore dell'associazione La Nara di Prato, che si occupa dell'assistenza di donne vittime di abusi e violenze. Nella canonica della chiesa di San Giovanni, infine, si è svolta l'esposizione dei dodici quadri finalisti del concorso di pittura “Montemurlo nelle stagioni dell'anno”, che andranno a comporre il calendario 2015, che verrà presentato il prossimo 20 dicembre. L'edizione numero quindici della festa dell'olio è stata salutata dai fuochi d'artificio, che si spera siano di buon auspicio per il prossimo anno.

Edizioni locali: Montemurlo
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia