Categorie
Edizioni locali

La rivolta dei medici di base: “Situazione impossibile per pronto soccorso e liste di attesa”. Presentato un esposto in procura


Redazione


Sono tempi difficili per la sanità pratese. Dopo le polemiche suscitate dall’articolo del quotidiano La Padania, dove si parla di liste di attesa agevolate per gli stranieri, ecco che si apre un altro fronte, stavolta interno. Sono tre medici di base pratesi a puntare il ditto contro le inefficienze del sistema, che vanno a discapito dei pazienti. E sullo stesso argomento c’è anche un esposto pendente in procura, presentato lo scorso luglio da uno dei tre medici che firmano questo nuovo “j’accuse”. “Siamo tre medici pratesi che vogliono far presente la grave situazione in cui versa la sanità a Prato – si legge nella lettera firmata dai dottori Carlo Frassetti, Alessio Cangioli e Pier Franco Mantovani -: lunghe file al pronto soccorso con tempi di attesa esosi, personale insufficiente rispetto alle esigenze di lavoro, la difficoltà a svolgere il proprio lavoro dei medici di famiglia per l’impossibilità di avvalersi della diagnostica e degli specialisti in tempi congrui (esempio richiesta di visita di terapia antalgica fatta a dicembre e programmata per metà giugno, ecc. ecc.).  Tempi medi per la Tac e Risonanza magnetica 3 mesi, Endoscopia digestiva 3 mesi.  Visite specialistiche alcuni mesi. A fronte di queste difficoltà – incalzano i tre medici – le direttive dell’Asl sono quelle di ricoverare il meno possibile.  Sull’ambulanza del 118, (per razionalizzare la spesa!), si è deciso di ridurre la presenza del medico a bordo.  I reparti ospedalieri sono sotto organico e messi in difficoltà dalla nuova ristrutturazione dei reparti”.”A fine luglio – aggiunge il dottor Frassetti – ho presentato un esposto in procura, denunciando in particolare la situazione dei reparti dle pronto soccorso. Non è una guerra tra medici, i nostri colleghi fanno l’impossibile. Il fatto è che c’è un problema di organizzazione e di direttive. Noi dobbiamo lottare tutti i giorni per avere accertamenti specialistici. A volte l’urgenza non c’è, ma in quei casi dove invece bisogna fare in fretta, la risposta non cambia: e sono mesi di attesa”.
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia