Categorie
Edizioni locali

In piazza delle Carceri più di 2.500 luci per dire che “Prato non si spegne”


L'iniziativa organizzata dai consiglieri comunali Belgiorno, Soldi e Stanasel ha raccolto l'adesione di 200 imprese di centinaia di liberi professionisti e partite Iva. In contemporanea altre due manifestazioni in piazza del Comune e in piazza Buonamici


Redazione


Oltre duemilacinquecento luci con il nome di un libero professionista, di un gestore di un bar o quello di una palestra hanno illuminato questa sera, 30 ottobre, piazza delle Carceri. Alle 18.30 mentre le campane della basilica di Santa Maria delle Carceri suonavano, è iniziato il flash mob organizzato dai tre consiglieri comunali Claudio Belgiorno, Leonardo Soldi e Claudiu Stanasel, per dire al governo che "Prato non si spegne", nonostante la decisione di far chiudere alle 18 tutti i locali della ristorazione e imporre il fermo per palestre, teatri e i circoli.
“Abbiamo dimostrato – spiegano gli organizzatori – che in tempo di pandemia si possono organizzare manifestazioni civili di protesta, ma soprattutto che Prato non si arrende”. Dal primo pomeriggio in tanti sono arrivati in piazza per consegnare il proprio lume, vietata la presenza di persone fisiche, altri hanno invece chiesto agli organizzatori di farlo per loro: duecento le imprese virtualmente presenti e duemilaquattrocento i liberi professionisti, i cittadini e i titolari di partite Iva che hanno partecipato. Se in piazza c'erano le luci, le persone hanno partecipato al flash mob collegandosi alla pagina Facebook dell'evento, da dove hanno sentito anche la testimonianza di imprenditori preoccupati per la sopravvivenza delle loro aziende.

In contemporanea con “Prato non si spegne” in piazza Buonamici Prato antifascista ha organizzato la manifestazione “Tu ci chiudi tu ci paghi” per chiedere al Governo di investire in sanità e trasporti in modo da scongiurare una nuova chiusura totale di tutte le attività produttive e della scuola, ma anche per chiedere una patrimoniale. Infine piazza del Comune è stata occupata da Orgoglio Partite Iva con i flash mob “sostieni l'Italia che lavora” per chiedere l'annullamento delle tasse e la concessione di un redditto di sussistenza a tutti possessori di partite Iva.

Edizioni locali: Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia