Categorie
Edizioni locali

Il salone del Pellegrinaio Nuovo si trasformerà nel secondo centro vaccinale di Prato


La trasformazione avverrà a breve in previsione dell'arrivo di massicce dosi di vaccino. Nella zona è prevista anche l'apertura di un nuovo parcheggio che si aggiungerà a piazzale Ebensee


Redazione


Sarà il salone del Pellegrinaio Nuovo, accanto al vecchio ingresso del Misericordia e Dolce in piazza dell'Ospedale, il secondo centro vaccinale Covid di Prato e provincia. Il terzo se si considera anche l'ala sud del Santo Stefano dove è in corso la vaccinazione degli ultrafragili e dove sono stati vaccinati anche gli operatori sanitari per un totale di circa 16mila vaccinati.
La decisione deve essere ancora ufficializzata dall'Asl ma è confermata dal presidente della società della salute Area pratese Luigi Biancalani. "E' un luogo pronto da utilizzare. Basta togliere le tante sedute per far spazio alle postazioni vaccinali che possono arrivare fino a una decina. L'accessibilità dei bagni è già verificata e quanto ai parcheggi, oltre al piazzale Ebensee, è in apertura un'altra area di sosta in via Cavour, subito accanto al centro Eliana Martini. Per esclusione, sarà un'utenza più giovane di quella che abbiamo visto fino ad oggi". L'ipotesi del palazzetto dello sport di Maliseti, valutata in un primo momento, è stata scartata perché se si considera il solo campo, lo spazio a disposizione è più piccolo della sala del Pellegrinaio e perché a breve potrebbe riprendere anche l'attività sportiva. Il nuovo centro vaccinale, pensato per oltre mille somministrazioni al giorno, dovrebbe essere pronto nel giro di 20 giorni anche perchè per metà del mese prossimo è previsto l'arrivo di un carico massiccio di dosi di vaccino che rendono assolutamente necessario raddoppiare gli spazi. Restano da definire le squadre vaccinali che si aggiungeranno a quelle già attive al Creaf e all'ala sud del Santo Stefano.

Proseguono intanto le vaccinazioni degli ultrafragili all'ala sud del Santo Stefano e in parte anche al Creaf. Hanno ricevuto la prima dose di vaccino già 600 pazienti oncologici e oltre 400 tra dializzati e trapiantati. In corso quella per chi è affetto da malattie polmonari ed è sottoposto a ossigeno terapia e per gli oltre mille autoimmuni a cui viene somministrato un farmaco biologico. Complessivamente si calcola che entro questa settimana saranno somministrate 6mila dosi e completeranno il ciclo 3mila persone.
Ieri e oggi ha "debuttato" all'ex Creaf  il vaccino Jhonson e Jhonson somministrato in una unica dose a oltre 1.200 ultrasettantenni. Dal 7 maggio, poi, inizia la somministrazione delle seconde dosi Astrazeneca per gli insegnanti e le forze dell'ordine.
(e.b.)
Edizioni locali: Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia