Categorie
Edizioni locali

Il Movimento dei cittadini italiani denuncia: “Dove non c’è il porta a porta si assiste a un continuo traffico di rifiuti. Situazione insostenibile”


Redazione


Il tema dei rifiuti abbandonati tiene banco in città. Dopo il duro sfogo del presidente della Circoscrizione Ovest Giovanni Mosca (vedi articolo) c’è da registrare la presa di posizione del Movimento dei cittadini italiani che denuncia un vero e proprio traffico dei rifiuti dalle zone dove è in vigore il porta a porta a quelle dove resistono i cassonetti.”Girando per Prato – dice Sergio Castignani, a nome del Movimento – si nota una zona della città pulita e ordinata, mentre l’altra è disseminata di sacchi di rifiuti e cassonetti traboccanti. La nostra città è divisa in due, una di serie “A” e una di serie “B” da una parte viene fatta la raccolta differenziata porta a porta, dall’altra sono rimasti i cassonetti, che, di fatto, sono discariche a cielo aperto. La prima con un cambiamento in positivo, la seconda con un cambiamento negativo al massimo: scarsa igiene, inquinamento, aria irrespirabile e maleodorante, infine un’occupazione in alcune ore del giorno e della notte di una parte delle carreggiate, con ostacoli improvvisati, creando pericolo alla viabilità”.Ecco quindi la denuncia: “In alcune zone dove sono rimasti i cassonetti di raccolta – prosegue Castignani – è  aumentato il traffico che trasporta rifiuti. Arrivano da tutte le parti e a tutte le ore del giorno e della notte, esercitando lo sport che sta diventando moda; il lancio del sacco di rifiuti! Questi comportamenti creano non pochi disagi a chi abita in queste zone: i cassonetti erano insufficienti prima, adesso con questo turismo ecologico in qualsiasi ora del giorno sono strapieni. La raccolta giornaliera da parte dell’Asm non è più sufficiente. Infine c’è la questione sanitaria, sappiamo che in questi cassonetti è gettato di tutto, dai rifiuti organici agli scarichi dei pozzi neri, dagli scarti di cucina agli scarti tessili, di conseguenza l’aumento di topi e piattole è preoccupante, è urgente un sistema di disinfestazione giornaliera dei cassonetti in questione, ma anche del manto stradale attorno a dove sono parcheggiati, onde evitare problemi sanitari. In alcune strade, con il caldo di questi giorni, c’è un puzzo insopportabile, tanto che per passarci, bisogna tapparsi il naso.Da cittadino comune non capisco le ragioni per le quali non si possa estendere la raccolta porta a porta a tutta la città, ma soprattutto non riesco a capire del perché alcune zone siano privilegiate rispetto a altre e, non solo per i rifiuti”.
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia