Categorie
Edizioni locali

I commercianti: “Per riportare la gente in centro, trasformiamo la ztl in zona slow traffic”


Redazione


Tecnicamente si chiamano zone “slow traffic”, ma sono conosciute anche come “zone 30”. Un modello di mobilità consolidato in molte città e capitali europee, già adottato a Roma e in discussione a Milano, Bologna, Torino, Venezia, Padova. L’Unione Commercianti di Prato lanciò l’idea di zone “slow traffic” negli anni passati quando al centro del dibattito sulla mobilità urbana c’era il Pum, e torna a farlo oggi per consentire una maggiore permeabilizzazione del centro storico e contribuire così al rilancio di una parte di città che soffre anche a causa delle scelte sui fronti di traffico e parcheggi.E’ ora il neodirettore dell’Unione, Gianluca Niccolai, a spiegare di cosa si tratta: “Le zone slow traffic sono strade a ridosso del centro storico nelle quali si istituisce un limite di velocità a 30 all’ora. Strade, perciò, da riaprire ai veicoli che possono transitare, e dunque avvicinarsi al centro, solo nel rispetto del limite imposto. Insomma, l’idea è di tenere chiuse solo quelle 4-5 strade che danno accesso alle piazze principali e trasformare le altre in zone slow traffic. L’incentivo è l’avvicinamento al centro storico ma con il limite di 30 chilometri orari è chiaro che non possono rappresentare un’alternativa all’attraversamento della città da una periferia all’altra. Questo significa – continua Niccolai – evitare il rischio che le vicinanze del centro storico diventino un concentrato di traffico”.L’Unione Commercianti di Prato chiede all’amministrazione comunale una riflessione sulla proposta che chiaramente deve tenere conto anche di tutti quei dispositivi di controllo e accorgimenti che garantiscano il pieno rispetto del limite di velocità.  “Abbiamo la necessità di avvicinare quanto più possibile il centro storico al resto della città – aggiunge il direttore – dobbiamo fare in modo che il centro torni ad essere un luogo di interesse, facilmente raggiungibile, a portata di mano per dirla in modo molto semplice. Il rilancio di una zona cruciale passa anche da assetti di questo tipo”.
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia