Categorie
Edizioni locali

I bambini del catechismo consegnano al vescovo una Madonnina rovinata dall’alluvione: un segno di speranza in vista del Natale


Stamani durante l'incontro tenuto in Cattedrale. A portarla una delle mamme, titolare di una ditta di confezioni rimasta gravemente danneggiata dal terribile nubifragio dello scorso 2 novembre


Redazione


Tra i segni che i bambini delle parrocchie di Prato hanno consegnato nelle mani del vescovo Giovanni Nerbini c’è anche la statua di una Madonnina rovinata dall’alluvione. "È il simbolo di una ferita che abbiamo subìto ma anche del nostro desiderio di ripartire", hanno detto i catechisti nel presentare il dono portato all’altare della cattedrale, dove questa si è tenuto il tradizionale incontro in preparazione al Natale per i più piccoli.
"L’alluvione si è fatta sentire e ha colpito tante nostre famiglie – ha detto il vescovo – e questa piccola statua spezzata è il segno della sofferenza e ci ricorda i tanti disastri avvenuti nelle case e nelle aziende, ma in vista del Natale la faremo diventare una immagine di speranza". La Madonnina si trovava sul tavolo di lavoro all’interno di una ditta di confezioni a conduzione familiare rimasta gravemente danneggiata dal terribile nubifragio dello scorso 2 novembre. "Ho detto alla signora che l’ha portata, è una mamma di un bambino del catechismo, di rimettere la statua rovinata dove si trovava prima e di iniziare a ricostruire la vita della famiglia e l’attività lavorativa della loro piccola azienda, ripartendo da questo gesto di speranza", ha affermato monsignor Nerbini.
All’incontro tenuto in cattedrale questa mattina, sabato 2 dicembre, hanno partecipato moltissimi bambini e bambine provenienti da varie parrocchie della diocesi di Prato. Al termine dell’incontro il vescovo ha benedetto le statuine del Bambinello da mettere nel presepe che ogni bimbo aveva portato con sé.
Nell’occasione è stato lanciato ufficialmente "Scatolando al catechismo". La proposta per ogni bambino è quella di preparare una "scatola di Natale", con dentro una letterina di auguri e dei doni, che possono essere per piccoli o adulti da regalare a chi si trova nel bisogno. "Questa iniziativa nasce dal desiderio di essere vicini a chi soffre, pensiamo agli alluvionati ma anche ai senzatetto e ai poveri – spiega don Carlo Geraci, direttore dell’ufficio catechistico diocesano – per loro sarà bellissimo ricevere una scatola piena di doni e leggere quello che i bambini e le bambine scriveranno, perché siamo certi che attraverso la bellezza del loro cuore passa la carezza di Dio".
Tutti possono partecipare portando la propria scatola al punto di raccolta aperto alla chiesa dei Cappuccini in via Diaz, il pomeriggio di sabato 16 e di lunedì 16 dicembre.
Edizioni locali: Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia