Categorie
Edizioni locali

Grande evento, il Pdl accusa: “Pochi 111 biglietti staccati al giorno”. L’assessore Napolitano: “Il successo dell’iniziativa non si misura così”


Redazione


Partito nel segno della grande unità d’intenti, il grande evento legato alla mostra “Lo stile dello zar” è già finito nel turbine della polemica politica. Ad alzare il polverone sono stati i consiglieri provinciali del Pdl Riccardo Bini e Giovanni Luchetti che, ad appena tre settimane dall’avvio, hanno voluto fare le pulci, stigmatizzando il numero, definito esiguo, di biglietti venduti al botteghino: vale a dire una media di 111 visitatori paganti al giorno. “Le mostre che hanno successo – dicono Luchetti e Bini – tipo quella di Raffaello a Urbino passano i 1.300 visitatori al giorno; quella sul futurismo a Rovereto ha passato i 1.100 biglietti staccati quotidianamente; mostre che non raggiungono i 300 visitatori pro die sono concordemente ritenute un flop. Invece di rilanciare entusiastiche ipotesi di affluenza sarebbe meglio che la Provincia si impegnasse a modificare e implementare le forme di propaganda e diffusione per cercare di impostare una drastica inversione di tendenza e consentire che impegni così gravosi per le finanze pubbliche abbiano risultati più soddisfacenti”.Nella risposta data durante il consiglio provinciale l’assessore al Turismo Antonio Napolitano ha chiarito subito che è davvero presto per fare un bilancio esaustivo sulla mostra, aperta da appena tre settimane. “Gli obiettivi che tutti i partner di questo progetto si sono proposti vanno bel al di là del numero dei visitatori – ha detto l’assessore – Si tratta di un evento che per la prima volta ha visto il sostegno di tutta la città. Nel Comitato che promuove e gestisce l’evento c’è la Provincia, il Comune di Prato, la Camera di commercio, la Fondazione Museo del tessuto, l’Apt, la Fondazione Cassa di Risparmio e la Regione Toscana. E per la mostra stanno lavorando tutti, dalle associazioni di categoria alle istituzioni culturali”.L’assessore ha spiegato che la promozione della mostra proseguirà per tutto il periodo di apertura e ha annunciato che l’Osservatorio del Turismo sta monitorando il target dei visitatori attraverso un’indagine, affidata ad Asel, che prevede 800 interviste, con l’obiettivo di capire meglio quale sia il tipo di turista attratto da Prato e da “Lo Stile dello Zar”. “I circa tremila visitatori registrati finora per una dimensione come quella pratese che per la prima volta scommette su un evento di questa portata sono già un risultato – ha concluso Napolitano – Considerando anche che molti sono i turisti e molti i gruppi e che i primi contatti con i tour operator sono molto positivi, la mostra è giudicata un prodotto che interessa e si vende bene”.
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia