Categorie
Edizioni locali

Eseguiti gli sfratti delle Ahmetovic: le abitazioni tornano nella disponibilità del Comune


Stamani intervento dei messi con la polizia municipale in via di Vittorio e in via Gobetti. Revocate le assegnazioni alle due donne coinvolte nell'inchiesta che ha accertato un patrimonio milionario per il clan


Redazione


Sono tornate da oggi nella disponibilità del Comune le case assegnate a Djula e Patrizia Ahmetovic, madre e figlia, componenti della famiglia rom finita al centro dell'inchiesta della guardia di finanza che lo scorso 21 giugno si è tradotta nel sequestro di un patrimonio di due milioni e mezzo distribuito tra vari appartenenti. Oggi, martedì 5 settembre, sono stati eseguiti gli sfratti. La polizia municipale, l'assessore alle Politiche sociali e la responsabile dei servizi sociali del Comune si sono presentati prima alla porta di casa di Patrizia Ahmetovic, un appartamento di edilizia popolare in via di Vittorio a San Giusto, e subito dopo alla porta della madre, un alloggio per l'emergenza abitativa in via Gobetti alla Pietà. Case assegnate un paio di anni fa per motivi sanitari alle due donne con problemi di salute ma anche, stando all'inchiesta della procura di Prato, con disponibilità economiche tali da non giustificare la permanenza in case pubbliche. 

 

In via di Vittorio l'appartamento era stato già svuotato: i pochi mobili sono stati lasciati fuori da Patrizia Ahmetovic che ha trascorso la notte fuori dalla casa della madre, sul letto sistemato davanti alla porta d'ingresso. Il fabbro ha cambiato le serrature e così, appena saranno terminati i lavori di ripristino, i due alloggi potranno essere destinati a due delle duecento famiglie in attesa di sistemazione. Le due Ahmetovic hanno chiesto di poter tornare con la roulotte in viale Marconi da dove erano state sgomberate tempo fa, ma, ovviamente, la risposta è stata “no”. "L’alloggio temporaneo – spiega il Comune – era stato loro assegnato dopo l'allontanamento da viale Marconi, dove occupavano abusivamente un terreno pubblico. Gli estremi per l'assegnazione di alloggio temporaneo erano però legati a due requisiti: l'aver presentato un Isee pari a zero e per Djula Ahmetovic l'età avanzata, mentre per Patrizia Ahmetovic il grave stato di salute. Al momento in cui le autorità competenti hanno comunicato al Comune di Prato il venir meno di uno dei requisiti, le signore Ahmetovic hanno ricevuto la revoca dell’alloggio. Secondo quanto emerso dall’inchiesta, infatti, le signore non avevano il requisito economico, ovvero l’Isee pari a zero, perché a loro carico risultano numerosi beni, così lo scorso 1° luglio le signore hanno ricevuto il provvedimento di revoca". 

Edizioni locali: Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia