Categorie
Edizioni locali

Dalla cuffia facciale alle sanificazioni: ecco come cambia la vendita per l’abbigliamento


I commercianti si stanno organizzando in vista del 18 maggio. Da Logli Abbigliamento sarà in funzione una macchina che sanifica i capi provati con una miscela di particelle d'argento. Ingressi contingentati, guanti e distanza di sicurezza. Camerini ripuliti dopo ogni prova


Redazione


Conto alla rovescia per la riapertura dei negozi d’abbigliamento prevista per lunedì 18 maggio. Per due mesi nelle vetrine sono rimasti esposti i capi invernali, nonostante l’arrivo delle primavera, e ora si espongono vestiti leggeri e colorati, si sanificano gli ambienti e si organizza la vendita nel rispetto delle norme anticontagio.
Come sempre manca il protocollo definitivo, ma le linee guida ci sono:distanza di sicurezza, uso di guanti e mascherine, ingressi, sanificazione degli ambienti.

“Non si è mai parlato di sanificare gli abiti provati – spiega Sara titolare di Logli Abbigliamento – ma per dare un servizio in più ai nostri clienti abbiamo acquistato una macchina che spruzza particelle d’argento che si appoggiano su vestiti e superfici rendendole sicure. Nella stessa ottica abbiamo anche deciso di lavorare anche su appuntamento per rendere l’acquisto meno stressante. Non è facile scegliere un capo e provarlo quando fuori magari ci sono persone che attendono il loro turno.”
Un altro accorgimento utilizzato è la cuffia copri viso che si indossa nella prova d’abito; il tessuto agisce da ulteriore filtro insieme alla mascherina e evita che il trucco sporchi il tessuto.
Da My Dolly, invece, si entrerà uno per volta e il cliente non potrà toccare i capi esposti. “Era una prassi già prima del corona virus – spiega la titolare Barbara Tommasi – ora diventerà una regola, Con la pandemia è cambiato anche i modo di fare acquisti, non è più possibile entrare in un negozio solo per guardare. Io sono a disposizione di tutti ma proprio perché il mio negozio è piccolo e si entra una alla volta bisogna avere le idee chiare. Potenzierò la pagina Facebook e cambierò più spesso le vetrine."

Per ora le collezioni sono abbastanza limitate, qualche assortimento è stato fatto prima del blocco, ma la stagione primaverile è completamente saltata
“L’andamento di gennaio e febbraio – spiega Massimo Bettazzi dell’omonimo negozio – era in linea con l’anno precedente. La prima settimana di marzo, quando ha iniziato ad aleggiare lo spettro del Covid, abbiamo avuto un calo del 70%, ora cerchiamo di essere ottimisti anche se siamo consapevoli che la ripresa sarà lenta”

Lento sarà anche il rituale dell’acquisto, tutti i clienti entrando dovranno indossare mascherine e guanti dopo aver utilizzato il gel. Ci saranno percorsi in entra e in uscita, una distanza di almeno un metro fra cliente e commesso, i camerini , come i banconi per pagare, dopo ogni utilizzo verranno sanificati. “All’inzio bisognerà prendere un po’ le misure – spiega Bettazzi – non sono abituato a maneggiare i capi con i guanti”
E sicuramente anche questo aspetto andrà perso; la morbidezza di una maglia si potrà solo immaginare.
Costi per riaprire ma anche costi per quando si è rimasti chiusi, qualche negoziante è riuscito a pagare i fornitori, nonostante la mancata vendita, altri hanno dovuto fare scelte diverse: “Ho dovuto fare una scelta – spiega Tommasi – ma pagare utenze affitto e fornitori con due mesi di fermo totale per me non è possibile. Speriamo che ora si ricominci a lavorare anche perché in questi mesi il centro storico è ritornato ad essere terra di nessuno”.
Sicuramente il rinnovo delle vetrine e l’apertura dei negozi invoglieranno le persone a tornare a passeggiare in cento, mantenendo le distanze sociali e indossando la mascherina, ma altri invece preferiranno spostarsi sulla vendita online dove il capo arriva confezionato direttamente a casa e non c’è da fare la coda.

Edizioni locali: Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia