Categorie
Edizioni locali

Certificati anagrafici online, ecco cosa cambia da oggi con l’attivazione della piattaforma nazionale


Per accedere a questi servizi non sarà più ammesso l'uso della tessera sanitaria e del numero di carta d'identità ma ci vorrà necessariamente lo Spid, la carta d'identità elettronica o il Cns


Redazione


Da oggi 15 novembre i residenti del Comune di Prato dovranno usare un sistema identificativo cosiddetto forte per accedere ai 14 certificati anagrafici online per sé stessi e per i propri familiari. Significa che servirà esclusivamente lo Spid, la carta d'identità elettronica o il Cns e non più la tessera sanitaria e il numero di carta d'identità (sistemi cosiddette deboli) per utilizzare questo servizio. Fino al 29 novembre i due sistemi conviveranno, poi il secondo sarà eliminato. 
La novità, presentata oggi, è frutto dell'attivazione della piattaforma dell'Anagrafe nazionale della popolazione residente del Ministero dell'Interno che prevede come forma di autenticazione solo Spid, carta d'identità elettronica o il Cns. 
Questi i 14 certificati scaribabili online senza andare allo sportello: anagrafico di nascita, anagrafico di matrimonio, di cittadinanza, di esistenza in vita, di residenza, di residenza Aire, di stato civile, di stato di famiglia, di stato di famiglia e di stato civile, di residenza in convivenza, di stato di famiglia Aire, di stato di famiglia con rapporti di parentela, di stato libero, anagrafico di unione civile, di costituzione di convivenza di fatto. Per i certificati digitali non si dovrà pagare il bollo e saranno quindi gratuiti . Potranno essere rilasciati anche in forma contestuale (ad esempio cittadinanza, esistenza in vita e residenza potranno essere richiesti in un unico certificato). Per tutto il 2021, tali certificati saranno gratuiti e non sarà cioè necessario apporre la marca da bollo anche quando richiesto dalla normativa. 
"Non è del tutto una novità in realtà per Prato, che era già molto avanti sul terreno della digitalizzazione grazie al lavoro svolto in questi anni dall'assessorato all'Agenda Digitale – afferma l'assessore ai Servizi demografici Gabriele Bosi – L'attivazione dell'Anagrafe nazionale ci consente comunque di fare un grosso passo avanti e di attivare nuovi servizi attraverso l'autenticazione forte". 
A giudicare dai numeri il servizio di anagrafe online offerto fino a oggi è molto gradito: nei primi dieci mesi del 2021 sono stati scaricati 33mila certificati per sé stessi e 10.500 per terzi (usato soprattutto dai professionisti).
Va specificato che da questa piattaforma nazionale non è possibile avere i certificati anagrafici di terze persone (non appartenenti al proprio nucleo familiare) e neppure i certificati di stato civile (nascita, matrimonio, morte e unione civile) che invece è possibile fare online sul sito del Comune di Prato, accedendo esclusivamente tramite Spid, Cie e Cns .
"Si tratta infatti di uno dei servizi più importanti per l'agenda digitale del Paese, che ci apre nuovi scenari di semplificazione e digitalizzazione – aggiunge l'assessore all'Innovazione Benedetta Squittieri – Potendo infatti utilizzare ed incrociare la banca dati di tutti i Comuni aderenti saremo agevolati in molte pratiche, ad esempio sul cambio di residenza da un altro Comune verso il nostro non sarà più necessario fare una doppia fila ai sportelli anagrafici né chiedere il necessario nullaosta al Comune di provenienza".  
Grazie al servizio Infopoint offerto dal Comune, ottenere lo Spid è semplicissimo. Basta presentarsi il 16, 23 e 30 novembre dalle 9 alle 13, e il 18, 25 novembre e 2 dicembre dalle 13.30 alle 17.30 in piazza Mercatale 33 (davanti agli uffici tecnici); il 7, 14 e 21 dicembre dalle 9 alle 13, e il 9, 16 e 23 dicembre dalle 9 alle 13 in piazza Cardinale Niccolò 13 (davanti ai Servizi demografici). Ci vuole uno smartphone con connessione a internet e accesso a un indirizzo di posta elettronica, un documento d'identità e la tessera sanitaria validi. Nella prima fase sperimentale hanno usufruito di questo servizio in 500, con la seconda si punta a superare quota mille. 
Per chi mastica poco l'innovazione tecnologica o non ha gli strumenti adatti, resta il canale classico: i tabaccai del circuito T-Serve, i punti Jolly del Comune dislocati in città e l'ufficio Anagrafe.  
 
Edizioni locali: Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia