Categorie
Edizioni locali

Caos tamponi al centro Giovannini, l’odissea di una famiglia rientrata dalle vacanze in Sardegna


Problemi di comunicazione tra Regione e Asl. "La Regione ci ha detto di andare al centro Giovannini ma al centro Giovannini ci hanno detto di non sapere niente. Non è facile essere cittadini diligenti e rispettosi delle regole"


Redazione


“Mentre ero in fila nel piazzale del centro Giovannini e mi dicevano che non c'era nessun appuntamento per fare il tampone e che nessuno sapeva niente, ho ricevuto la chiamata dallo stesso centro Giovannini che mi comunicava, tra l'altro proprio negli stessi minuti dell'appuntamento, di tornare il giorno dopo”. E' l'assurdità nella quale è incappato un pratese che di rientro dalla vacanza in Sardegna si è preoccupato immediatamente, insieme a tutta la famiglia, di prenotare il tampone. “Ho preso l'appuntamento per me e i miei tre familiari tramite il sito internet della Regione che raccomanda di eseguire il test entro 24 ore dal rientro – racconta Umberto Martino – ho seguito la procedura e ho ricevuto un sms con la conferma della prenotazione per il 27 agosto alle 12.12. Ci siamo presentati puntuali, ci siamo messi in fila in auto in attesa di scorrere la fila e arrivare al nostro turno ma la fila era ferma, la gente ha cominciato a lamentarsi e ad un certo punto il personale del Giovannini ci ha detto di non avere appuntamenti, di non saperne nulla, che quello non era il giorno in cui si effettuano i tamponi. Ho rappresentato le mie ragioni e ho ricevuto risposte poco educate. Ma il bello è che mentre mi dicevano che non c'era nessun appuntamento a mio nome, ho ricevuto una telefonata dal numero del Giovannini che mi diceva di tornare il giorno dopo, cioè oggi”.

Un paradosso. “Non mi sono arreso e ho chiamato il numero della Regione – continua Martino – chi mi ha risposto mi ha detto che dovevamo assolutamente fare il tampone, che non c'era nessun errore da parte mia e che l'appuntamento confermato quello era. Fatto sta che io e la mia famiglia siamo tornati a casa senza tampone”. Umberto Martino è un camperista che ha trascorso le vacanze girando la Sardegna: “Siamo stati attenti – dice – abbiamo adottato tutte le precauzioni compresa quella, al ritorno, di sottoporci al tampone. Il risultato è stato una perdita di tempo e un inutile assembramento di persone proprio davanti alla struttura sanitaria”.

Edizioni locali: Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia