Categorie
Edizioni locali

Tutela animali, Gianni Cenni accusa il Comune: “Da due anni non utilizzato per il canile più di mezzo milione di euro di un lascito testamentario”


Il candidato sindaco del centrodestra si è interessato della questione su sollecitazione di volontari e associazioni animaliste: "L'eredità di una signora pratese morta a novembre 2020 doveva andare, per sue disposizioni, al canile ma i soldi sono ancora fermi e destinati ad un altro progetto"


Claudio Vannacci


“460.166 euro e 50 centesimi liquidati da due istituti bancari, 6.710 euro di canone di locazione per un fondo la cui successiva vendita ha generato 60.750 euro: totale oltre mezzo milione di euro, per la precisione 527.625,50 euro. Questo l’ammontare dell’eredità lasciata da una pratese, deceduta novembre del 2020, e destinata, come da disposizioni testamentarie, al canile di Prato. Il Comune ha incassato le somme che dal 2022 sono disponibili ma alla volontà della firmataria, ad oggi, non è stato dato corso”. A dirlo è il candidato sindaco di centrodestra Gianni Cenni che tiene fede, così, all’impegno preso con i cittadini e con i volontari delle associazioni animaliste, interessandosi della questione relativa al lascito testamentario che ha per oggetto il canile ‘Il Rifugio’.
“Le somme risultato appostate ai capitoli 1199, 1200, 1089/1, 1171/3. Questa precisazione – dice Gianni Cenni – è un mero tecnicismo che serve solo a dire che i soldi ci sono e sono fermi in attesa di essere spesi per il canile. La vecchia amministrazione comunale ha più di una volta annunciato che i soldi sarebbero stati usati per la realizzazione del ‘Parco degli animali’; a questo proposito due considerazioni: un progetto di questo tipo rispetterebbe la volontà a cui il lascito è stato vincolato? E poi, si tratta di un costo che, sempre secondo quanto ho potuto appurare, supererebbe di gran lunga i 2 milioni di euro e il cui tabellino di marcia prevedeva, entro la fine del 2023, l’affidamento della progettazione preceduta dalla variante urbanistica, e nel 2024 l’approvazione del progetto di fattibilità tecnico-economica. Rilevo che siamo a giugno e che nulla si sa. Per quanto mi riguarda, i soldi ci sono e vanno spesi nel rispetto della volontà di una persona che ha pensato che i suoi beni fossero utili e dovessero essere impiegati per il canile: io questo farò. Non credo che Prato, in questo momento, possa pensare ad un investimento da due milioni di euro e passa per il Parco degli animali. Non dimentichiamo che abbiamo una struttura come il gattile e che possiamo riportare alle sue funzioni il Centro di Scienze naturali che in questi anni, con appena 250mila euro, poteva essere rimesso in moto dal Comune ma evidentemente non c’è stata la volontà e non c’è stato l’interesse nonostante ora il Pd, a tre giorni dalle elezioni, parli di parchi e dispensi promesse”.

Edizioni locali: Prato

CONSIGLIATI

logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia