Categorie
Edizioni locali

Peretola, una petizione popolare per un impatto ambientale super partes


A lanciarla il coordinamento comitati Piana Sana. Firme anche a Firenze, non esclusa dal passaggio degli aerei. Pubblicata la mappa interattiva che riassume le criticità presenti sul territorio evidenziate dalle precedenti tre mappe


Redazione


Un'opera imponente e contestata come l'ampliamento dell'aeroporto di Peretola, considerata strategica dal Governo Renzi che ne finanzierà buona parte della spesa, non ha una valutazione di impatto ambientale. A chiederla a gran voce sono i comitati cittadini riuniti in PianaSana per lo sviluppo sostenibile della Piana di Firenze, Prato e Pistoia, da sempre contrari alla nuova pista del Vespucci.

Non paghi della pubblicazione delle tre mappe interattive sulle criticità del progetto e della quarta che le riassume tutte, stamani a Prato i vertici dei comitati cittadini hanno lanciato una nuova petizione popolare chiedere alla Regione Toscana l'effettuazione della valutazione di impatto ambientale sul progetto di ampliamento sulla base di uno studio di impatto ambientale (sia) redatto da un ente terzo multidisciplinare pubblico non locale, internazionalmente riconosciuto e di comprovata esperienza in studi analoghi. In sostanza i comitati chiedono alla Regione di dimostrare con dati certi e super partes, che quella pista non porterà sui territori della Piana Fiorentina e di Prato inquinamento acustico e ambientale. Al momento gli unici studi a disposizione sono dell'Arpat e della stessa Regione dove tra l'altro, vengono evidenziate delle criticità. "La sia attualmente non esiste – spiega Paolo Paoli del Comitato No Aeroporto – c'è solo la valutazione ambientale strategica all'interno della variante al Pit, redatta da un ufficio preposto, il Nurv, e contiene dubbi e criticità sulla fattibilità del progetto. Ciò nonostante al momento dell'approvazione della variante al Pit nessuno l'ha presa in considerazione".
I comitati cittadini raccoglieranno le firme su tutta l'area metropolitana, Firenze compresa perchè è previsto il passaggio di aerei anche sul capoluogo toscano sebbene sia passato sotto silenzio: per frequenti problemi di vento, che non può mai essere in coda all'aereo, le proiezioni degli esperti calcolano tra i duemila e i tremila passaggi all'anno sul Novoli in direzione centro. La petizione si può firmare anche online. Altrimenti sono previsti numerosi appuntamenti in tutto il territorio. Si comincia il 23 settembre, alle ore 21 presso il Teatro Parrocchiale in piazza Palagione a Capalle con un'assemblea pubblica. Il 17 settembre il sindaco di Prato Matteo Biffoni incontrerà i comitati No aeroporto e il 29 settembre si terrà la seduta congiunta delle commissioni consiliari 3 e 4 alla presenza del sindaco, di tre rappresentanti dei comitati e di tre tecnici, in vista della convocazione di un Consiglio comunale aperto sull'argomento. 

Edizioni locali: Comuni Medicei | Montemurlo | Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia