Categorie
Edizioni locali

Lavoro, il Pd presenta le sue proposte contro delocalizzazioni selvagge e tutela salute e sicurezza


Nicola Zingaretti ospite dell'appuntamento che ha chiuso la prima settimana tematica dei Dem pratesi, incentrata sui temi del lavoro: “Nei cantieri non si muore per caso, estendere agli appalti privati le regole per il pubblico”


Claudio Vannacci


La settimana del Partito Democratico di Prato dedicata ai temi del lavoro si è chiusa oggi con un evento dedicato alla salute e alla sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori. All’incontro, che si è svolto al circolo “Ballerini” di Mezzana, hanno partecipato Nicola Zingaretti, candidato Pd alle elezioni europee, Marco Furfaro, deputato Pd, Maria Logli, capolista Pd e Aksel Fazio, responsabile lavoro Pd Prato. Presenti anche il sindaco uscente di Prato, Matteo Biffoni, e la candidata del centrosinistra, Ilaria Bugetti

“Nei cantieri – afferma Nicola Zingaretti – non si muore per caso. Si muore perché non ci sono regole, si muore perché c’è sfruttamento, si muore perché c’è subappalto. E purtroppo la legislazione non solo non rallenta queste degenerazioni ma in alcuni casi le accentua. Non si può piangere o gridare allo scandalo quando muore un’operaia o un operaio. Bisogna essere coerenti e sapere che si può fare qualcosa per fermare queste morti. Per esempio mettere da subito nel privato le regole che esistono per gli appalti pubblici. È singolare che si definiscano regole per far lavorare sicure le persone quando l’appalto è pubblico e, sapendo che quelle regole garantiscano più sicurezza, non fare nulla quando l’appalto non è pubblico”.

“Non si può morire di lavoro – sottolinea Aksel Fazio -. Ma non ci si può nemmeno fare male, andare in burnout, subire discriminazioni quando si è sul luogo di lavoro. Su questi temi il Pd di Prato ha proposte molto avanzate e concrete, frutto dei tanti incontri che abbiamo fatto in questo anno e mezzo con sindacati e categorie. Occorre un coordinamento territoriale per la tutela della salute e sicurezza costruito su due pilastri: valore del tempo e salute mentale. Un coordinamento che tenga assieme tutti gli attori del mondo del lavoro e comprenda anche il settore della ricerca. Servono studi, monitoraggi e analisi per costruire nuove politiche e protocolli su questa materia. Prato, che è la città della modernità, sempre un passo avanti al resto della Toscana, può dare un contributo fondamentale. Penso alla riforma degli appalti, a una nuova struttura per la formazione, a iniziative per affrontare questi temi anche dal punto di vista culturale, con il coinvolgimento delle tante comunità che vivono e lavorano nella nostra città. Sulle delocalizzazioni la nostra posizione è chiara, si devono mettere in atto tutte quelle azioni per impedire che un’azienda possa sfruttare un territorio e le sue maestranze e poi decidere di spostare la produzione in Paesi dove ci sono migliori condizioni economiche e dove si generano più profitti a discapito dei lavoratori”.

Edizioni locali: Prato

CONSIGLIATI

logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia