Categorie
Edizioni locali

La Multiutility Toscana diventa realtà: quattro società in una newco per controllare acqua, rifiuti e gas


Tra gli obiettivi della futura public company 1,5 miliardi di euro di maggiori investimenti, incremento occupazionale, efficientamento dei servizi, riduzione delle tariffe, raddoppio dei dividendi, sostenibilità ambientale e sociale


Redazione


Con l’atto di fusione approvato dai consigli di amministrazione di Acqua Toscana Spa, Consiag Spa e Publiservizi Spa e Alia Servizi Ambientali Spa si avvia formalmente il percorso per la costituzione della Multiutility Toscana, la nuova holding dei servizi pubblici locali, partecipata da sessantasei comuni della Toscana Centrale, tra i territori dell’Empolese Valdelsa e le province di Firenze, Prato e Pistoia. La struttura post fusione, con quote destinate ai Comuni di Firenze (37,1%), Prato (18,2%), Pistoia (5,4%) Empoli (3.4%) ed altri comuni toscani (35,9%) sarà ora sottoposta all’approvazione, entro settembre 2022, da parte dei consigli comunali e dell’assemblea della società.
Il progetto è stato presentato questa mattina, 3 maggio, in Regione Toscana, illustrato da Alberto Irace, l’amministratore delegato di Alia incaricato dai soci alla costruzione del progetto Multiutility. 
Il percorso di aggregazione è stato disegnato come una piattaforma aperta, in grado di coinvolgere sin da subito tutte le utilities toscane che ad oggi sono osservatori privilegiati di questo processo.
A seguito della approvazione in assemblea, saranno pertanto previsti due successivi aumenti di capitale: il primo, approssimativamente entro l’ultimo trimestre del 2022, rivolto ai conferimenti delle quote da parte delle altre utilities interessate. Il secondo, entro il 2023, attraverso la quotazione e la creazione di una Public Company con almeno il 51% del capitale sociale detenuto dai soci pubblici e il 49% finanziato dal mercato azionario, al fine di attrarre risorse utili ai necessari piani di investimento senza incidere sulle tariffe. Si punta, quindi, a consolidare un settore industriale strategico, colmando un forte ritardo rispetto ai processi di fusione già da tempo realizzati dalle regioni del nord e del centro Italia, mantenendo su questo territorio tutte le leve strategiche e decisionali sui processi industriali e le relative ricadute di natura economica e sociale. Il primo nucleo di aggregazione costituisce un player integrato nei settori ambiente, energia e ciclo idrico, in grado di garantire già oggi circa 700milioni di ricavi (dati 2021) con un Ebidta di 171milioni, altrettanti di investimenti, un patrimonio netto di 467milioni di euro e con significative partecipazioni: Estra (39.6%), Acque (19,3%) e Toscana Energia (31%). L’apertura a partecipazioni delle altre aziende del territorio toscano offre opportunità di crescita e consolidamento fino ad un obiettivo di oltre 3 miliardi di fatturato, potenzialmente oltre 4 miliardi considerando l’espansione nelle regioni limitrofe. "La creazione della Multiutility e la successiva quotazione – si legge in un comunicato diffuso da Alia – generano un impatto positivo sulle società, gli azionisti, cittadini/utenti e territori, grazie ad efficienze e sinergie industriali, miglioramento dei servizi, contenimento e riduzione dei costi delle bollette, raddoppio dei dividendi per i comuni soci e della capacità d’investimento fino ad 1,5 miliardi, con il conseguente incremento di occupazione diretta ed indiretta e sviluppo delle filiere locali". 
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia