Categorie
Edizioni locali

Idee e progetti a confronto per una nuova piazza Mercatale


Oggi la giornata conclusiva de "La Prato che verrà" con 4 tavoli partecipativi. l punto di partenza comune è che cambiare è necessario. Mobilità, trasporto pubblico e decoro i problemi principali


Redazione


Far vivere la piazza soprattutto di giorno e riqualificarla partendo da una mobilità più razionale, dal ripensamento del sistema parcheggi e dalla diversificazione delle funzioni: solo così la più grande piazza medievale d'Europa ritornerà ad essere davvero una piazza e non solo un parcheggio e una rotatoria del traffico nella zona nord della città. Sono alcune delle linee principali tracciate dalla giornata conclusiva de "La Prato che verrà", l'evento partecipativo organizzato dal Comune di Prato oggi all'Urban Center di via Mazzini per disegnare la piazza Mercatale del futuro insieme a residenti, commercianti e frequentatori. Una cinquantina le persone che oggi hanno deciso di dire la loro, divisi in quattro tavoli di confronto sulle idee più significative per il futuro della piazza raccolte attraverso il sito web ww.comune.prato.it/lapratocheverra.
Il tavolo "Vivibilità, idee per una piazza sicura e di qualità" era coordinato dal vicesindaco Simone Faggi; "Residenti, esercenti, giovani, turisti: idee per la piazza di tutti" da Daniela Toccafondi, assessore allo Sviluppo Economico; "Camminare, guidare, sostare: idee per una nuova mobilità" da Filippo Alessi, assessore alla Mobilità, e "Il futuro dell’antica piazza: idee per un nuovo volto urbanistico” coordinato da Valerio Barberis, assessore all’Urbanistica.
Tante le idee esposte e gli spunti di riflessione, partendo però dalla comune convinzione che un cambiamento è necessario. Tre i problemi principali posti sui quattro tavoli da più voci: trasporto pubblico da modificare, mobilità e decoro. Ecco una sintesi delle idee.
Ripensare il tondo con l'eventuale sfoltimento degli alberi, che non valorizzano la grandezza e la profondità della piazza e aumentano la percezione di insicurezza. Come da ripensare è il rapporto tra persone e macchine: «E' stato interessante e costruttivo che piazza Mercatale venga percepita come un tassello del centro storico e dell'intera città, non una cosa a sè stante – ha detto Barberis – Da qui infatti la necessità di riqualificare l'intero Quartiere e le sue vie d'accesso». Una posizione condivisa anche dai tavoli guidati dagli assessori Alessi e Toccafondi, soprattutto per alleggerire la pressione del traffico e dei mezzi pesanti in via Santa Margherita e via San Giorgio: tra le proposte la che interessano questa zona a latere di piazza Mercatale la creazione di un percorso artistico e turistico con il restauro del Tabernacolo di Filippo Lippi da parte della scuola Tintori di Vainella, che si ricolleghi agli affreschi in Duomo e favorire l'apertura di botteghe artigiane nei fondi sfitti attraverso sgravi fiscali e contributi: «Si chiama piazza Mercatale per un motivo preciso e per questo si deve riappropriare di certe funzioni che la facciano vivere di più ad ogni ora del giorno, oltre quindi ai locali – ha affermato l'assessore Toccafondi – Quindi questo bellissimo spazio deve riempirsi di iniziative culturali e artigianali di qualità. Ad esempio potrebbe essere trasferito qui il Mercato agroalimentare della filiera corta Terra di Prato».

E il traffico? Le proposte riguardavano mobilità sostenibile, riorganizzazione del sistema parcheggi e un cambio di passo in termini di viabilità all'interno della piazza ma anche nelle strade e zone limitrofe: i cittadini hanno più volte ribadito la necessità di realizzare una vera integrazione tra i parcheggi esistenti, valorizzando le aree di sosta del centro storico, prima fra tutte quella del Serraglio. Numerosi, poi, i riferimenti ai mezzi di spostamento alternativi: i partecipanti all'incontro hanno infatti sottolineato l'importanza di introdurre bus elettrici e di mettere a punto collegamenti tra i tratti di pista ciclabile per ridurre l'uso delle auto e allentare così la pressione su piazza Mercatale, satura di macchine. Attualmente sono infatti circa 60mila i veicoli che ogni giorno transitano nella zona nord lungo la direttrice nord-sud. "È stata una discussione stimolante e interessante – ha spiegato l'assessore alla Mobilità Filippo Alessi al termine del confronto -. I cittadini hanno dimostrato di avere una percezione matura della situazione e di avere le idee chiare sullo sviluppo futuro dello spazio. Le richieste riguardano principalmente il riordino della piazza in termini di traffico e la valorizzazione dei parcheggi che sorgono intorno. Abbiamo ascoltato tutte le istanze e preso nota delle criticità e dei punti di forza. Come già spiegato ai residenti oggi, stiamo lavorando sull'infomobilità. Abbiamo fatto un bando per ottenere fondi e installato alcuni sensori che ci permetteranno, nel tempo, di avere una mappatura completa ed esauriente dei flussi viari, rilevati grazie a sofisticati programmi tecnologici". Per Federico Mazzoni, numero uno di Aci Club, tali soluzioni spostano solo il problema che va risolto con un sottoattraversamento viario: “Per ripensare piazza Mercatale la logica delle nozze con i fichi secchi non va bene. I soldi, se i ci sono progetti seri, ci sono. E la riqualificazione di piazza Mercatale non può prescindire dalla viabilità”.
Sul tema della vivibilità della piazza e delle strade limitrofe sono emersi: la necessità di una maggiore pedonalizzazione della piazza, la risistemazione del giardino così come previsto nel suo disegno iniziale, una maggiore illuminazione, la collocazione di mercati di diverso tipo all'interno della piazza. Alta l'attenzione anche per la sicurezza della piazza e delle zone limitrofe con la proposta di interventi diretti e immediati. "Dal tavolo – ha affermato il vice sindaco Simone Faggi – é emersa la necessità da parte dei cittadini di riappropriarsi dello spazio della piazza, di trasformarla da il "non luogo" che è adesso, a un luogo vivibile con al centro il cittadino e le sue necessità". Per il dottore Paolo Sanesi, da sempre impegnato nella rinascita di piazza Mercatale "l'esperienza è stato un ottimo punto di partenza ma la partecipazione va fatta sui progetti integrati".
Le conclusioni sono state affidate al sindaco Matteo Biffoni, che ha ringraziato tutti i presenti per il loro fattivo contributo: «La partecipazione e il confronto sono degli strumenti di arricchimento irrinunciabili per cambiare il volto della città che amiamo e sono davvero colpito dalla concretezza e dall'efficacia delle proposte avanzate – ha affermato il sindaco – Adesso toccherà all'Amministrazione comunale approfondire i temi trattati dando realizzazione in tempi brevi ad alcuni elementi e programmandone altri più a lunga gittata. Piazza Mercatale ha bisogno di ritornare al suo ruolo originario e nella Prato che verrà sarà l'asse portante del centro storico».

Guarda il video con le conclusioni della giornata al link https://www.youtube.com/watch?v=iBjXkebxKt4

Edizioni locali: Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia