Categorie
Edizioni locali

“Crowd Prato”, in tanti stamani a lavoro sulla città “ottimista”


Il percorso partecipativo promosso da Uip, Camera di Commercio e Fondazione Cassa di Risparmio, ha trovato un'ottima risposta fra i cittadini. Oltre 250 persone stamani si sono date appuntamento per confrontarsi su temi specifici introdotti da tre ispiratori d'eccezione. Ora si prosegue con i tavoli tematici. A dicembre le proposte per la città


Redazione


Oltre 250 persone stamani hanno partecipato all' apertura di "Crowd Prato. Collaborare il futuro', il percorso partecipativo promosso dalla Camera di Commercio, dall'Unione Industriale pratese e dalla Fondazione Cassa Risparmio per costruire un progetto comune per la città. Manager, blogger, liberi professionisti, rappresentanti del mondo del volontariato, insegnanti, imprenditori, artigiani, personaggi noti, persone comuni e tanti giovani si sono dati appuntamento all'auditorium della nuova Camera di Commercio per dare il via a questa avventura che terminerà il 18 dicembre prossimo con proposte concrete per il futuro di Prato.

Divisi in gruppi e al grido di "#pratottimista", i partecipanti hanno formulato alcune domande su temi specifici presentati da tre cosiddetti 'ispiratori': l'antropologa Marianella Sclavi, l'etnografo urbano Alessandro Coppola e l'economista Giacomo Biraghi. I grandi temi su cui Crowd Prato ha lavorato stamani e lavorerà nelle prossime settimane sono tre: cultura, società e economia. Già oggi sono emersi spunti interessanti sui nodi pratesi più complessi da sciogliere come integrazione, riqualificazione degli spazi urbani, rilancio del distretto. Spunti frutto di un confronto fra gli ispiratori e i tavoli.

Per comprendere meglio la nuova metodologia di lavoro di Crowd Prato prendiamo ad esempio una domanda molto simpatica, chiaro riferimento alla straordinaria presenza straniera, emersa dai tavoli dopo l'intervento di Sclavi: "come simpatizzare con possibili sconosciuti, invasori nemici?" La risposta dell'esperta prende spunto dalla "tecnica della pantera": creare contesti di mutuo soccorso, ascolto e rispetto reciproco, avere curiosità della cultura altrui. Altro suggerimento degli esperti: la città deve essere divertente perché 'oltre al pane ci vogliono le rose". E ancora il "City profile" fatto da soggetti terzi, per raccontare la città e valorizzare i suoi punti di forza, l'ingresso di Prato nella città metropolitana fiorentina perché i 'benefici di unire le forze sono maggiori della perdita di specificità territoriale', meglio "prati e tetti verdi che  infrastrutture  inutili contro i rischi ambientali".

Tanti consigli, tante idee e spunti di riflessione su cui lavorare nelle prossime settimane attraverso i tavoli tematici per raggiungere proposte concrete da presentare alla città e alle istituzioni entro il prossimo Natale. Un metodo di lavoro che ha suscitato entusiasmo e apprezzamento tra i partecipanti, tanto tra i giovani che tra i senior. "Basta piangersi addosso – ha dichiarato il presidente della Uip, Andrea Cavicchi – è importante fare squadra per superare i problemi e dare una speranza a questa città che ha idee e materia su cui lavorare. Pensiamo ad esempio, che pur nella crisi è la seconda città d'Italia con l'indice di disoccupazione più basso". Prato città individualista decide quindi di unire le forze: "L'entusiasmo e la bella partecipazione a questo primo step – spiega Luca Giusti, presidente della Camera di Commercio – ci fanno capire che è arrivato il momento di abbattere gli steccati e di lavorare insieme". Fabia Romagnoli, presidente della Fondazione Cassa Risparmio di Prato sottolinea le parole chiave dell'evento: "Crowd significa gruppo di persone con un interesse comune che è Prato. E' il motore per attivare le potenzialità che ci sono in città attraverso tre "c": cura del territorio, connessioni e cambiamento".
La mattinata si è chiusa con una proposta-provocazione dell'ispiratore Biraghi, strettamente legata a Expo 2015: aggredire per primi il mondo cinese attraverso il progetto China for Expo. Sono attesi all'evento milanese un milione e mezzo di cinesi. Un terreno fertile tutto da coltivare
Edizioni locali: Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia