Categorie
Edizioni locali

Imprese strozzate dalle tasse, la replica di Gestri a Marini: “Le imposte provinciali sono tutte al minimo”


Redazione


L’appello lanciato nei giorni scorsi dal presidente dell’Unione industriale, Riccardo Marini, alle amministrazioni locali perché riducano o non aumentino la pressione fiscale è stato ascoltato dalla Provincia. “Condivido l’appello e le preoccupazioni degli imprenditori, che sono in buona parte quelle delle famiglie. Anche nel 2010 lasceremo al minimo e non aumenteremo il prelievo per i tributi di nostra competenza – annuncia il presidente Lamberto Gestri – in un momento di difficoltà come questo, in cui la crisi assedia le imprese e le famiglie abbiamo deciso di dare un segno concreto di ulteriore attenzione alla comunità e all’economia locale. Anche per dare un piccolo contributo alla ripresa”. Intanto la Provincia conferma anche l’impegno a una verifica sul canone per le utenze di acque pubbliche per uso “industriale” che nel corso del 2009 ha visto una riduzione del 10%.Dunque la Provincia di Prato, unica in Italia, anche per l’anno che sta per cominciare confermerà la scelta – attuata ormai dal 1995 – di mantenere la livello minimo il prelievo fiscale per quel che riguarda il Tributo provinciale ambientale, l’Imposta provinciale di trascrizione e l’Addizionale provinciale per l’energia elettrica. “Ci siamo posti seriamente il problema a fronte di un bilancio di previsione che si presenta pieno di restrizioni legate al patto di stabilità ma abbiamo scelto di dare priorità alle difficoltà di cittadini e imprenditori”, spiega ancora Gestri. Per intendersi nel 2009, facendo riferimento alle cifre del bilancio di previsione, nelle tasche dei pratesi sono rimasti circa 3 milioni e 600 mila proprio per la mancata applicazione delle tariffe massime.La Provincia di Prato è l’unica in Toscana a mantenere al minimo il Tributo provinciale per l’ambiente (è all’1% a fronte di un massimo consentito – e applicato da numerose Province – del 5%). Stesso dicasi per l’Imposta provinciale di trascrizione dove c’è una discrezionalità in aumento e non applicata del 20%. Per quel che riguarda l’Addizionale provinciale sull’energia elettrica, invece, è prevista la facoltà di moltiplicare addirittura per quattro volte il valore minimo applicato anche nel 2010.
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia