Categorie
Edizioni locali

Il tessile pratese guarda all’ecologia per cercare il rilancio


Redazione


Un futuro ecologico per il distretto tessile pratese con il cardato rigenerato come nuovo (vecchio) cavallo di battaglia. E’ quanto è emerso durante  il convegno di Firenze, organizzato dal Centro di Firenze per la Moda Italiana alla Stazione Leopolda. Tra gli invitati, Riccardo Marini presidente dell’UIP insieme all’altro pratese lo scrittore Edoardo Nesi, a moderare l’anchor-man, Bruno Vespa. A Marini e Nesi era stato affidato il tema “Prato e l’impronta ecologica”. Immancabile la richiesta di commento sul distretto parallelo cinese, introdotto come esempio negativo di non-eticità: Marini ha ribadito che la sfida per il futuro è quella di fare emergere l’economia sommersa cinese integrandola in quella pratese complessiva. Marini ha ricordato che si può parlare di impronta ecologica dell’industria tessile di Prato per almeno due motivi: perché la produzione tipica di Prato, quella della lana cardata, si basa sul riutilizzo di fibre già usate e perché il distretto tessile pratese ha investito fortemente per la salvaguardia del patrimonio idrico. Per confermare le proprie tesi il presidente UIP ha fornito dei dati, scaturiti da calcoli effettuati dall’Unione Industriale, sul bilancio ambientale virtuoso del rigenerato. Si stima che oggi si utilizzino nel comprensorio pratese circa 20.000 tonnellate l’anno di materiali tessili lanieri da rigenerare (ritagli, cascami, indumenti usati): quello di Prato è quasi un monopolio a livello mondiale. Un calcolo, necessariamente approssimativo, sulla base di queste 20.000 tonnellate messe a confronto con l’equivalente di fibra vergine, porta a stimare un risparmio di: 60 milioni di kilowatt di energia; 500.000 metri cubi di acqua; 650 tonnellate di ausiliari chimici; 300 tonnellate di coloranti. In più, si eviterebbe l’immissione in atmosfera di 18.000 tonnellate di anidride carbonica; 1.000 tonnellate di anidride solforosa. In conclusione ha precisato che le manifatture tessili italiane hanno un impatto contenuto sull’ambiente, rispettando normative che in Europa sono molto rigorose.
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia