Categorie
Edizioni locali

Il Politeama da Spa si trasforma in una fondazione a partecipazione mista pubblico e privato


Il via libera approvato dal Consiglio comunale. La nuova forma giuridica permetterà al teatro anche di partecipare a bandi pubblici e ricevere finanziamenti privati, con la possibilità di accedere al sostegno della Regione Toscana


Redazione


Il teatro Politeama diventa una fondazione  a partecipazione pubblica e privata, il passaggio da spa è stato approvato in consiglio comunale con 18 voti favorevoli e 7 astenuti. Un percorso, quello sulla forma giuridica, iniziato alcuni anni fa che ha portato a scegliere il modello che meglio valorizza l'effettiva natura e le esigenze delle attività e della missione del Politeama consentendo anche l’apporto e la partecipazione dei soci in forme e con ruoli diversificati. La nuova fondazione potrà operare, senza fini di lucro, con iniziative a favore della cultura e della promozione delle attività teatrali, dei giovani e in generale dei cittadini, svolgendo le proprie attività con criteri di economicità e nel rispetto dei vincoli di bilancio, in sinergia con altre istituzioni culturali, creando una condizione di omogeneità di assetto giuridico, normativo e organizzativo fra tutti gli enti partecipati culturali, consentendo di rendere omogenea la sua integrazione con le politiche dell’Amministrazione. Inoltre il Politeama non avrà più preclusioni rispetto all’accesso a bandi pubblici e finanziamenti privati, con la possibilità di accedere al sostegno della Regione Toscana, per lo più indirizzato verso le Fondazioni. Potrà anche beneficiare delle agevolazioni fiscali previste con l’Art bonus per i privati che vogliano investire nello spettacolo, attivando uno strumento efficace per il reperimento di risorse per molti organismi no profit: "Con la trasformazione del Politeama, da società per azioni a fondazione, il teatro si dota dello strumento più idoneo per garantire crescita e possibilità di accesso agli altri strumenti previsti dalla legge, dall'art bonus in poi – ha affermato l'assessore alla Cultura Simone Mangani – A fronte di questa trasformazione il Comune di Prato mantiene ed anzi aumenta il sostegno anche in vista del centenario del teatro, che cadrà nel 2025".  
Ieri il Consiglio comunale ha messo la prima pietra a un percorso che, comunque, ha tempi lunghi: è necessario la convocazione dell'assemblea che voterà la nuova forma giuridica a cui seguirà un passaggio in Regione. 
"Questo traguardo ha richiesto un grande impegno da parte dei nostri professionisti e degli uffici del Comune, che sento il dovere di ringraziare – sottolinea anche la presidente del Teatro Politeama Pratese Beatrice Magnolfi – Il Politeama non ha finalità commerciali, ma culturali e sociali e la veste giuridica della “Fondazione di partecipazione”, in cui convivano istituzioni pubbliche e soci privati, è la più aperta e la più adatta a garantirne il futuro".
 
Edizioni locali: Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia