Categorie
Edizioni locali

Tragedia in via Firenze, uccide la moglie a coltellate e poi si ammazza: il dramma quando in casa c’era la figlia di 4 anni


Redazione


Un litigio al momento della colazione, forse originato dai problemi che la coppia stava attraversando e che, secondo i primi accertamenti, avevano fatto iniziare le pratiche per la separazione. C’è questo, forse, all’origine del dramma che questa mattina poco prima delle 8 ha portato un operaio tessile di 38 anni ad uccidere a coltellate la moglie di 34 anni, commessa in una gioielleria, per poi rivolgere contro di sé il coltello, per un unico terribile fendente all’addome. Quando i soccorritori della Misericordia sono arrivati in via Firenze 123, a due passi dal bar Las Vegas, ormai non c’era più niente da fare per Desirè Zumia, trovata in camera da letto con il corpo straziato dalle coltellate. E i soccorritori niente hanno potuto fare anche per Giuseppe Milazzo che prima di infliggersi il colpo mortale, o forse quando era già agonizzante, aveva chiamato il 112 per dire che la moglie era morta. L’uomo era ancora vivo ma è spirato tra le braccia dei soccorritori che stavano cercando di rianimarlo.In quel momento in casa c’era la figlia di 4 anni della coppia. Quando i vigili del fuoco sono entrati nell’abitazione, l’hanno trovata al piano di sotto, mentre la mattanza era avvenuta nelle camere al piano superiore. Non si sa, quindi, se la piccola ha assistito alla scena, se ha sentito le grida, se ha capito che la mamma e il babbo non ci sono più. Pare che abbia visto il padre sporco di sangue ma forse non ha realizzato quando era appena accaduto. E’ stato un vigile del fuoco a prendere la bambina, coprirla con la sua giacca e poi affidarla ai carabinieri e a un’assistente sociale che l’hanno portata subito via dalla casa dell’orrore. Era già uscita, invece, l’altra figlia di Desirè, una ragazza di 17 anni, avuta da una precedente relazione e che si trovava a scuola.Le indagini sul fatto di sangue sono affidate ai carabinieri, coordinati dal pm Roberta Pieri, che stamani ha fatto un sopralluogo insieme al medico legale, che ora dovrà fare l’autopsia sui due corpi. Toccherà ai militari capire cosa possa essere scattato nella testa di Milazzo poco prima delle 8 di stamani. A quanto pare la coppia aveva già fatto colazione, i cui resti sono stati trovati sulla tavola lasciata apparecchiata. L’arma del delitto sembra essere un grosso coltello da cucina, particolare che lascia pensare ad un raptus improvviso, una decisione maturata sul momento e non a un delitto premeditato. Anche se i testimoni, chi abita nella zona, dicono che Milazzo era solito uscire molto presto per andare al lavoro. Al bar Las Vegas erano abituati a vederlo arrivare verso le 6 per prendere il caffè. Resta il fatto che negli ultimi tempi i litigi tra i due coniugi erano all’ordine del giorno. A quanto  pare Desirè voleva mettere fine alla relazione ma Giuseppe non si rassegnava a questo. Su un mobile, in casa, gli investigatori hanno trovato un foglio scritto a mano con una bozza di divisione dei beni. E forse proprio da questo potrebbe essere partito il litigio fatale.La casa dove è avvenuta la tragedia, tra l’altro, è già stata al centro della cronaca nera cittadina. La palazzina è quella ricostruita al posto del terratetto distrutto da un esplosione nel settembre del 1998. Nella circostanza morirono due persone: l’attentatore che doveva incendiare la latteria al primo piano, per conto del proprietario, e un invalido che abitava al piano di sopra. Rimosse le macerie, era stata tirata su questa nuova costruzione: una palazzina elegante, con un appartamento al piano terra e un altro, su due livelli, al primo piano: quello dove è accaduta la tragedia.

Claudio Vannacci

logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia