Categorie
Edizioni locali

Sparatoria nel campo nomadi: arrestato l’ex marito e padre delle due vittime


L'uomo è stato rintracciato dai poliziotti della Squadra Mobile in provincia di Rovigo. Dopo l'aggressione era scappato in Francia ma poi ha fatto rientro in Italia


Redazione


E' stato arrestato l'uomo che lo scorso 19 aprile ha esploso colpi di arma da fuoco nel campo nomadi di Iolo contro l'ex moglie e il figlio di vent'anni. In carcere è finito Dani Casadio, 42 anni, fermato sabato 13 maggio a Occhiobello, in provincia di Rovigo. A lui gli uomini della squadra mobile diretti da Francesco Nannucci sono arrivati dopo tre settimane di indagini serrate che hanno consentito di ricostruire ogni spostamento e soprattutto di collocare la sua presenza, attraverso i riscontri sulle celle telefoniche, proprio nella zona di Iolo il giorno della sparatoria. Il quarantaduenne, con precedenti per rapina, è accusato di porto e detenzione di arma da fuoco e munizioni, minaccia aggravata, spari in luogo pubblico. Ad armare la sua mano, secondo le indagini coordinate dal sostituto procuratore Lorenzo Gestri, sarebbe stato il risentimento nei confronti della moglie dalla quale si era separato la scorsa estate e del figlio rimasto a vivere con la donna nel campo nomadi di via Manzoni. 
Escluso il tentativo di omicidio: il quarantaduenne, pur sparando da distanza ravvicinata, ha puntato la pistola verso il basso. La dinamica è stata ritenuta compatibile con un'azione intimidatoria. Un fatto comunque gravissimo perché i proiettili, di rimbalzo, avrebbero potuto comunque ferire qualcuno dei presenti, bambini compresi. Il quadro indiziario messo insieme dalla procura è stato ritenuto grave dal giudice per le indagini preliminari Fantechi che ha accolto la richiesta di custodia cautelare in carcere. Subito dopo la sparatoria, l'uomo ha lasciato l'Italia rifugiandosi in Francia da dove è rientrato qualche giorno dopo. In queste settimane è tornato una volta a Prato e si è avvicinato al campo di via Manzoni: gi agenti, che ancora oggi tengono sotto controllo l'area, lo avevano visto e seguito per acquisire ulteriori elementi a sostegno delle accuse.  L'ex moglie e il figlio non hanno mai puntato il dito contro il loro familiare e solo sabato, a indagine praticamente chiusa, hanno fatto qualche ammissione. L'arma, una pistola semiautomatica, non è stata ritrovata. 
Edizioni locali: Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia