Categorie
Edizioni locali

Smaltimento illecito di rifiuti tessili, sequestrati una ditta e un furgone. Trentacinque indagati


A gestire l’attività illecita due cinesi di 46 anni residente a Prato e un trentaseienne residente in Emilia Romagna. Loro il compito di ritirare i rifiuti tessili prodotti dalle ditte del comprensorio pratese per poi portarli ad altre che ne avrebbero dovuto gestire lo smaltimento o il recupero.


Redazione


La polizia municipale di Prato ha sequestrato in città una ditta di smaltimento rifiuti tessili e il mezzo usato per il trasporto del materiale a conclusione di una lunga indagine che ha portato 35 persone sul registro degli indagati della Procura di Prato per gestione illecita di rifiuti. Sono al momento al vaglio degli inquirenti le posizioni di altre 2 ditte coinvolte nella gestione di rifiuti tessili.
A gestire l’attività illecita due cinesi di 46 anni: uno residente a Prato e un trentaseienne  residente in Emilia Romagna. Erano loro che si occupavano di andare a ritirare i rifiuti tessili prodotte dalle ditte del comprensorio pratese per poi trasportarle ad alcune ditte, italiane e cinesi, che ne avrebbero dovuto gestire lo smaltimento o il recupero.
Due mesi di serrate indagini condotte dall’unità di polizia ambientale e dall’unità investigativa della polizia municipale di Prato e coordinate dal sostituto procuratore Egidio Celano, hanno permesso di ricostruire i legami fra i vari soggetti coinvolti tra produttori, trasportatori e gestori dei rifiuti, e di accertare numerose irregolarità nella gestione e nello smaltimento dei rifiuti.
Nella giornata di mercoledì 8 febbraio le rete si è chiusa e gli agenti di piazza Macelli hanno perquisito le due ditte di gestione rifiuti i cui titolari italiani si avvalevano del lavoro dei due cinesi. Le operazioni si sono svolte con la collaborazione della polizia municipale della Val di Bisenzio e di Quarrata, zone queste interessate dall'attività illecita. Ad una delle due ditte, che presentava anche grosse carenze da un punto di vista della sicurezza, sono stati messi i sigilli, così come su l’autocarro usato dai due cinesi.
Alle operazioni ha collaborato anche personale del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco.
Numeroso il materiale sequestrato e che dovrà essere analizzato per riscontrare quanto dell’operato delle ditte coinvolte era in regola con la normativa e quanto invece completamente irregolare, a partire dal trasporto effettuato dai due cinesi che operavano formalmente per una ditta di tutt’altro genere.
L’attività illecita ha visto coinvolte circa 25 ditte del comprensorio tessile (non solo pratese) le cui posizioni sono in fase di analisi che proseguono per stabilire con esattezza ruolo di ciascuno dei coinvolti.
Edizioni locali: Prato | Val di Bisenzio
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia