Categorie
Edizioni locali

Merce rubata a Prato e poi spedita in Georgia: smantellata la banda di ladri, nove arresti


Procura e carabinieri sono risaliti ad una organizzazione responsabile di almeno 50 furti ai danni di esercizi commerciali in città


Redazione


Tablet e telefonini, abbigliamento per bambini e giocattoli, biancheria per la casa e superalcolici, apparecchi per misurare la pressione e termometri digitali. Novantamila euro il valore della refurtiva accumulata in due anni dalla banda di georgiani smantellata dai carabinieri di Prato che tra ieri e oggi, venerdì 28 aprile, hanno eseguito nove arresti. In carcere uomini di età compresa tra 18 e 50 anni, senza fissa dimora, alcuni con precedenti penali; altri sei sono ricercati e altri sono indagati. L'accusa: associazione per delinquere finalizzata a furti in negozi e centri commerciali. Una cinquantina i colpi contestati, ma l'elenco potrebbe essere molto più lungo. “Le indagini non sono concluse – hanno spiegato il procuratore Giuseppe Nicolosi e il sostituto Egidio Celano – stiamo cercando di arrivare agli organizzatori dei furti”. I carabinieri del Nucleo investigativo, guidati dal capitano Vitantonio Sisto, hanno arrestato gli esecutori materiali, restano da individuare le teste. L'inchiesta, cominciata nei mesi scorsi, ha ricostruito tutta la filiera: un'organizzazione perfetta che di volta in volta decideva su quali articoli indirizzare i furti e trasmetteva le “commesse” ai ladri che da mattina a sera non facevano altro che entrare in negozi di abbigliamento, di elettronica, di articoli per la casa e nelle farmacie per rubare. Niente scasso, niente spaccate: la merce venivano prelevata dagli scaffali quando i negozi erano aperti. “Gruppetti di tre-quattro persone per volta – ha detto il capitano Sisto – uno distraeva il vigilante, un altro faceva finta di interessarsi ad un acquisto, un altro faceva scattare gli allarmi e poi, al momento opportuno, il furto con la rimozione delle placche antitaccheggio”. La refurtiva veniva poi inviata tramite altri georgiani nella zona di Ancona e da qui spedita nell'Europa dell'est. Diversi i carichi partiti anche dal porto di Bari. Nel mirino sono finiti Ikea, Globo, Prenatal, I Gigli, Metro, le grandi catene di elettronica ed elettrodomestici e diverse farmacie.

Gli esecutori dei furti facevano base in un appartamento nella zona di piazza Mercatale e si riunivano per pianificare le azioni in piazza Europa. “E' stata una segnalazione – ha rivelato Nicolosi – a far scattare l'inchiesta. Un cittadino ha denunciato movimenti sospetti in un appartamento accanto al suo e da lì è cominciata l'attività investigativa in un primo momento coordinata dal sostituto Antonio Sangermano che, prima del trasferimento a Firenze, l'ha passata al sostituto Celano”. Nel magazzino di Ancona è stata recuperata parte della merce rubata, mentre nell'appartamento di Prato è stato trovato un mazzo di chiavi utilizzate per aprire le vetrine nelle quali di solito vengono custoditi gli articoli più cari. “Stiamo parlando di un'organizzazione che agiva in modo quasi militare – le parole del capitano Sisto – gli esecutori materiali facevano solo questo durante tutto il giorno, tutti i giorni: rubare nei negozi la merce richiesta dai mandanti”. Appostamenti, pedinamenti, intercettazioni: mesi e mesi di indagini serrate che hanno permesso in molti casi di filmare i furti e seguire il viaggio della refurtiva destinata soprattutto al mercato georgiano. 

nadia tarantino
Edizioni locali: Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia