Categorie
Edizioni locali

Blitz nella tintoria, trovati operai irregolari: arrestato il gestore


Controllo interforze in un'azienda a Poggio a Caiano. Nei guai un imprenditore di 55 anni. L'attività lavorativa è stata sospesa ed è stata elevata una sanzione di 10mila euro. Verifiche su ulteriori possibili violazioni


Redazione


Operai clandestini sfruttati, impiegati in un capannone in pessime condizioni igieniche e sanitarie, e ospitati in un dormitorio fatiscente. Questo ciò che hanno trovato i carabinieri di Poggio a Caiano che oggi, giovedì 22 luglio, al termine di un controllo interforze, hanno arrestato un imprenditore cinese di 55 anni e sospeso l'attività. Il controllo ha interessato una tintoria situata in via dell'Ombra. L'uomo deve rispondere di impiego della manodopera clandestina e di mancata adozione degli obbligatori protocolli aziendali utili a contenere la diffusione del coronavirus.
Due gli operai trovati al lavoro, entrambi cinesi e senza permesso di soggiorno ed entrambi, perciò, denunciati per immigrazione clandestina. Per tutti e due, dopo gli ulteriori accertamenti, sarà avviato l'iter per l'espulsione dal territorio italiano.

Al controllo hanno partecipato, ognuno per la propria competenza, anche gli agenti della polizia municipale, i tecnici della Asl, i carabinieri dell'Ispettorato del lavoro e i carabinieri forestali. Le verifiche hanno prodotto una sanzione di 10mila euro, mentre sono in corso indagini sui formulari e sul registro di carico e scarico dei rifiuti per valutare eventuali contestazioni relative allo smaltimento dei rifiuti speciali e in particolare degli scarti di lavorazione.
Altri illeciti saranno contestati dalla Asl relativamente alle precarie condizioni igienico-sanitarie e al rispetto delle norme sulla sicurezza sui luoghi di lavoro.
Intanto proprio stamani in prefettura si è tenuto un incontro, organizzato d'intesa con la procura, sul tema dello sfruttamento del lavoro. All'appuntamento hanno preso parte tutti coloro che sono addetti ai controlli e all'attività di contrasto al fenomeno particolarmente diffuso sul territorio. Relatore il sostituto Lorenzo Gestri, massimo esperto di dinamiche inerenti il lavoro. L'iniziativa era inserita nella strategia di contrasto al caporalato e allo sfruttamento lavorativo promossa dal ministero del Lavoro e confluita nel piano triennale di azione 2020-2022. 

Edizioni locali: Comuni Medicei
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia