Categorie
Edizioni locali

Quasi 200 veicoli abbandonati rimossi in un anno dalla polizia provinciale


Nel bilancio 2023 anche le oltre 300 multe da T-red di Poggio a Caiano. In arrivo un agente in più che permetterà l'aumento delle pattuglie sul territorio


Eleonora Barbieri
loading...


Da marzo la Polizia provinciale di Prato potrà mettere in campo un pattuglia in più sul territorio. Arriverà tra un mese infatti, il nuovo agente assunto dall’ente che con le tre unità assunte nel corso del 2023, riporta a 12 l’organico di questo corpo. Un numero comunque non adeguato alle tante competenze assegnate: tutela dell’ambiente e degli animali, controllo dell’attività venatoria, rispetto del codice della strada. Il punto sulle attività 2023 è stato fatto stamani, 1°febbraio, a palazzo Banci Buonamici.  Sono state inviate alla Procura 69 informative, di cui 29 comunicazioni di notizie di reato e 40 indagini delegate dalla stessa autorità giudiziaria, per un totale di 108 reati contestati e 31 persone denunciate. Nello specifico, si tratta di operazioni che riguardano attività illegali legate alla tutela ambientale, abbandono di rifiuti, maltrattamento e detenzione di animali. Dei 108 reati contestati 53 casi riguardano l’ambiente e i rifiuti, 8 la tutela della fauna, 10 l’edilizia, 5 l’avvelenamento di animali e 32 la violazione del codice penale. Particolarmente rilevante è stato l’impegno del Corpo in relazione all’attività venatoria e alla tutela degli animali: sono stati 14 i casi di presunto avvelenamento di animali domestici o selvatici o di rinvenimento di presunte esche avvelenate, di cui 3 risultati positivi (contenenti sostanze tossiche, a seguito di specifiche analisi da parte dell’Istituto zooprofilattico) che per buona sorte non hanno causato la morte degli animali. Gli interventi d’iniziativa, in flagranza di reato, hanno portato al sequestro di 9 mezzi di caccia e pesca vietati (in particolare trappole e reti per la cattura di fauna selvatica) e il sequestro di 102 animali selvatici e domestici, a seguito di catture abusive e detenzioni incompatibili con la propria natura.“E’ stato un grande lavoro di prevenzione e controllo svolto su tutto il territorio provinciale, soprattutto nelle aree extra urbane – ha dichiarato il comandante Michele Pellegrini – I numeri dimostrano l’impegno e la dedizione degli appartenenti al Corpo soprattutto nell’ambito di operazioni ambientali a tutela del territorio e della salute pubblica”. Per quanto riguarda le sanzioni amministrative, ne sono state elevate 578 di cui 38 per i rifiuti, 27 in materia di caccia, 2 per la tutela delle acque, 1 in materia di regione forestale e 1 in materia di funghi, 509 per violazione del codice della strada, in diminuzione rispetto al 2022 quando se ne registrarono 722. Su quest’ultimo capitolo fa la parte del leone il territorio di Poggio con ben 320 sanzioni grazie al dispositivo T-red sistemato al semaforo lungo la regionale 66 all’altezza del Ponte Manetti in entrambe le direzioni. Nel bilancio 2023 della Provinciale, c’è un altro dato che salta all’occhio: il boom di interventi per il recupero di veicoli abbandonati. Ne sono stati trattati ben 187. Un numero altissimo che si spiega con l’operazione che ha portato al sequestro penale di un’area in zona Mezzana a ridosso del casello Prato est dove erano presenti ben 170 mezzi abbandonati tutti qualificati come rifiuti. E a proposito di tutela ambientale. Nel 2023 è scattato il sequestro penale di 5.070 mq di aree e depositi incontrollati, in cui erano illegalmente gestiti ingenti quantità di rifiuti di ogni tipo (pericolosi, non pericolosi e Raee). Sono state individuate attività illecite che hanno dato luogo a 38 sanzioni amministrative e 43 reati contestati, con conseguente sequestro di veicoli ed aree, nonchè la bonifica dei luoghi oggetto di inquinamento. Contro l’abbandono di scarti tessili, le aziende controllate sono state 56. In questa occasione il presidente della Provincia Simone Calamai ha conferito al Corpo l’encomio per la complessa attività di Polizia giudiziaria a tutela dell’ambiente e della sicurezza dei cittadini svolta nel 2023. “I numeri presentati oggi dimostrano l’impegno costante dei nostri agenti nella salvaguardia dell’ambiente, nella tutela degli animali e nella promozione di comportamenti sostenibili – ha dichiarato il presidente della Provincia di Prato Simone Calamai – Grazie al loro lavoro instancabile, attraverso azioni di controllo e monitoraggio, siamo riusciti a contrastare attivamente fenomeni dannosi come l’inquinamento e il bracconaggio, coinvolgendo allo stesso tempo, mediante iniziative di promozione e sensibilizzazione, la comunità locale nella salvaguardia del nostro patrimonio ambientale”.

Forte anche l’impegno come protezione civile durante la disastrosa alluvione del 2 novembre. Un particolare riconoscimento è stato consegnato dal comandante Pellegrini all’agente Tommaso Beneforti per l’elevata professionalità e l’abnegazione dimostrata il 2 novembre nel Comune di Montemurlo, per aver prestato soccorso alle persone e agli automobilisti a rischio della propria incolumità.

(e.b.)

(e.b.)
Edizioni locali: Prato

CONSIGLIATI

logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia