Categorie
Edizioni locali

Medie Pier Cironi, posata la prima pietra: ecco come sarà la nuova scuola che verrà inaugurata entro il 2026


Gli edifici saranno realizzati nell'ottica della didattica  inclusiva, quindi, con spazi all'aperto, per le medie è stata pensata anche una terrazza dove poter tenere le lezioni, laboratori modulari,  con pareti che si possono  spostare e soprattutto molta luce


Alessandra Agrati
loading...


Posata la prima pietra per la realizzazione  del nuovo  polo  della media e primaria Pier Cironi, un cantiere finanziato con 16milioni di cui 11milion di euro dal Pnrr, che si concluderà nel 2026.  Il progetto, oggetto anche di un percorso partecipativo, è stato realizzato dallo Studio77,  e prevede tre nuclei,  quello della primaria, della secondaria e la palestra, collegati fra loro. Nell’ ultima fase del cantiere verrà demolito l’attuale edificio scolastico  per creare il minor disagio possibile a studenti e insegnanti. “L’idea – spiega il progettista Daniele Rangone – è di creare tre atomi  che sono collegati fra loro da una passerella. Abbiamo insistito molto sulle trasparenze  che creano interazioni fra interno ed esterno e sulla flessibilità degli ambienti. Visto i tempi ristretti verrà utilizzata una struttura in carpenteria metallica”.

Gli edifici saranno realizzati nell’ottica della didattica  inclusiva, quindi, con spazi all’aperto, per le medie è stata pensata anche una terrazza dove poter tenere le lezioni, laboratori modulari,  con pareti che si possono  spostare e soprattutto molta luce. Tra le novità per la scuola elementare, progettata per 300 alunni, anche la biblioteca diffusa.

Il complesso è stato sviluppato prevedendo tre edifici separati ma, allo stesso modo, collegati attraverso una pensilina che “abbraccia” i fabbricati e crea uno spazio centrale verde, ideale per l’utilizzo da parte degli studenti durante la ricreazione o per lezioni all’aperto. Il progetto prevede la realizzazione della scuola primaria con 10 aule, 4 laboratori, mensa, spazi polivalenti e biblioteca, della secondaria di I° grado per con 21 aule, 8 laboratori, segreteria didattica, aula magna e biblioteca, e la palestra con spogliatoi e servizi, utilizzabile anche in orario extrascolastico.

“Era un impegno preso con famiglie e insegnanti – ha sottolineato il sindaco Matteo Biffoni –  si tratta di fatto della realizzazione di un nuovo complesso, che verrà realizzato in parte con fondi europei, ma anche con una tempistica europea, nonostante la pesante burocrazia italiana”.

Alla posa della prima pietra hanno partecipato anche i ragazzi del consiglio d’istituto. ” I nostri studenti – ha spiegato la dirigente scolastica Barbara Mechelli – avranno a disposizione ambienti più spaziosi e belli, ma anche laboratori dove poter sperimentale. Già da quest’anno abbiamo iniziato un percorso Dada  proprio nell’ ottica di valorizzare i laboratori”

Edizioni locali: Prato

CONSIGLIATI

logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia