Categorie
Edizioni locali

La riqualificazione dell’ex lanificio Rosati trasformerà la zona di Borgonuovo: negozi, uffici, case e una piazza a uso pubblico


Il progetto arriva in Consiglio comunale giovedì prossimo e ha già ottenuto il via libera della commissione urbanistica. La proprietà dell'area è di un'immobiliare cinese


Eleonora Barbieri


Da colonna produttiva del distretto tessile pratese a piazza aperta al pubblico su cui si affacceranno uffici, negozi, abitazioni e associazioni culturali e che sarà attraversata da un percorso pedonale verde che metterà in connessione via Pistoiese con via Becherini. Ecco come sarà recuperato e trasformato l’ex lanificio Rosati nella zona di Borgonuovo. Il progetto ha ottenuto il via libera della commissione Urbanistica e giovedì approderà in Consiglio comunale per l’approvazione definitiva che permetterà alla proprietà, una immobiliare di un imprenditore cinese, di dare fuoco alle polveri per far partire i lavori. E’ una trasformazione conferme al piano operativo per cui non saranno necessarie varianti. E anzi, prevede meno costruito dell’ammesso: 6.679 metri contro i 6.847 massimo previsti dal piano operativo, pari all’80% dell’attuale.

I prospetti esterni, ossia le facciate che corrono lungo via dell’Alberaccio e via Pistoiese, resteranno sostanzialmente gli stessi, e saranno destinati a servizi. Potranno ospitare quindi studi professionali, centri benessere, parrucchieri, agenzie varie, attività finanziarie, palestre e scuole private. Una c’è già e fa capo a un’associazione culturale cinese sul lato Pistoiese. Gli accessi a queste attività saranno sulla grande corte interna dell’ex fabbrica.

E’ qui che troviamo la parte più significativa del progetto a livello di ricadute pubbliche. L’area sarà infatti allargata abbattendo alcuni fabbricati interni più recenti e le coperture dei piazzali. Verrà dotata di alberature e attraversata da un percorso pedonale aperto almeno 10 ore al giorno (l’impegno è contenuto nella convenzione con il Comune) che partirà dall’accesso che dà da via Pistoiese e arriverà fino a via Becherini. Il grande edificio produttivo che si affaccia dall’interno su questa piazza sarà conservato nel suo aspetto e avrà al pian terreno due attività commerciali e al primo e al secondo piano sei appartamenti ciascuno.

Alle sue spalle ci sarà il parcheggio privato e accanto un’altra attività commerciale. L’ingresso carrabile è da via dell’Alberaccio attraverso un tunnel ricavato nell’immobile che corre lungo la strada. Le abitazioni diventano 13 contando anche l’alloggio all’angolo tra via Pistoiese e via dell’Alberaccio che era la casa del custode della fabbrica e resterà a uso residenziale.

La parte all’angolo tra via dell’Alberaccio e via Becherini sarà trasformata in un parcheggio pubblico con oltre 20 stalli di sosta costellato e circondato da alberature.

(e.b.)

Edizioni locali: Prato
logo_footer_notiziediprato
logo_footer_notiziediprato

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)

Notizie di Prato

è una testata registrata presso il Tribunale di Prato
(N° 4 del 14/02/2009)
Iscrizione al Roc n° 20.901

Direttore responsabile: Claudio Vannacci

Editore: Toscana Tv srl

Redazione: Via del Biancospino, 29/b, 50010
Capalle/Campi Bisenzio (FI)
©2024 Notizie di Prato - Tutti i diritti riservati
Powered by Rubidia