25.02.2021 h 13:58 commenti

Volano in Germania per un progetto Erasmus e al ritorno "risarciscono" l'ambiente piantando alberi

Quindici alunni del Liceo Rodari prima della pandemia avevano partecipato ad uno scambio culturale sul tema della sostenibilità, oggi hanno piantato ulivi e piante da frutto e presentato un ricettario di prodotti di bellezza al naturale
Volano in Germania per un progetto Erasmus e al ritorno "risarciscono" l'ambiente piantando alberi
Per compensare, almeno in parte, l'emissione di Co2 dovuta al viaggio a Kappeln in Germania nell' ambito del progetto Erasmus Plus Cop in the Classroom, quindici studenti del liceo Rodari hanno piantato alberi da frutto e ulivi nel giardino della loro scuola. Ma questo non è l'unico risultato ottenuto dallo scambio con i ragazzi tedeschi, avvenuto a fine 2019.
“E' stato un'esperienza che ha cambiato il mio modo di vivere – spiega Giulia Ceccherini - ora sono molto più attenta all'ambiente. Ad Amburgo mi sono resa conto di quanto I tedeschi siano più avanti rispetto a noi, soprattutto nell'uso dei mezzi di trasporto pubblico. Poi ho iniziato a partecipare agli scioperi per il clima.”
Il progetto, concluso oggi a causa della pandemia che ha bloccato l'intero anno scolastico 2020, prevedeva di lavorare sul tema della sostenibilità, partendo dal calcolo della propria “impronta ecologica” cioè il calcolo di quanto ciascuno i inquina con I propri comportamenti a partire dall'uso di bottiglie in plastica, fino a quello della macchina. “A ottobre 2019 – spiega Catia Callieri insegnante responsabile del progetto – I ragazzi tedeschi sono venuti da noi e abbiamo visitato il museo del tessuto, dove abbiamo partecipato a un laboratorio per il riciclo dei jeans, poi abbiamo visitato una biofarm a Carmignano, unendo così la produzione industriale con quella agricola. A novembre siamo andati ad Amburgo e abbiamo visitato un impianto a biomasse e una pala eolica. Uno dei risultati che abbiamo subito notato è che I ragazzi ora utilizzano meno plastica, ad esempio si portano la borraccia e la riempono nel fontanello della scuola”.
Al termine del progetto, oltre alla piantumazione (a primavera ne verranno piantate altri alberi), I ragazzi hanno realizzato un ricettario dove oltre a un menu ecologico sono presenti anche ricette di bellezza con prodotti naturali e uno shooper di tela con un logo Eco not Ego ideato insieme ai compagni tedeschi. "Gli scambi fra ragazzi - ha spiegato il dirigente scolastico Mario Di Carlo - sono sempre fondamentali arricchiscono non solo dal punto di vista della conoscenza, ma anche da quello umano. Purtroppo con la pandemia tutto è fermo, ma mi auguro che si possa presto riprendere questa attività."
 

 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  25.02.2021 h 13:58

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.