17.05.2018 h 15:29 commenti

Violenza sessuale su due giovani delle Pagliette, patteggia due anni il tecnico del suono

L'inchiesta risale al 2016. L'uomo, all'epoca dei fatti contestati socio onorario del club delle Pagliette, finì ai domiciliari con l'accusa di violenza sessuale su due minorenni
Violenza sessuale su due giovani delle Pagliette, patteggia due anni il tecnico del suono
Ha patteggiato una condanna a due anni di reclusione con sospensione della pena il tecnico del suono della storica rivista delle Pagliette del Buzzi accusato di violenza sessuale su due ex studenti minorenni. L'uomo, 44 anni, è comparso davanti al giudice delle udienze preliminari del tribunale di Prato, Alberto Lippini, che ha accolto la richiesta di rito alternativo avanzata dai difensori, Barbara Mercuri e Franco Legni, e a cui già la procura aveva dato il consenso e che comprende anche un risarcimento complessivo di circa 15mila euro alle parti offese, due ragazzi di 16 e 17 anni, entrambi studenti del Buzzi all'epoca dei fatti. L'inchiesta della procura risale al 2016 per fatti cominciati però, almeno secondo le contestazioni, nel 2012. Il professionista è stato per tre settimane agli arresti domiciliari con la pesante accusa di aver abusato dei due ex studenti del Buzzi che appartenevano al club goliardico delle Pagliette. Le indagini del sostituto procuratore Valentina Cosci hanno accertato diversi episodi che sono stati portati davanti al giudice. La ricostruzione dei fatti fa riferimento agli incontri che avvenivano tra l'imputato, all'epoca socio onorario del club, e i due minori in occasione delle feste organizzate nell'ambito delle iniziative delle Pagliette. Con i due giovani, il tecnico del suono – stando alla procura – ha avuto rapporti orali e con uno, in una occasione, un rapporto completo, mentre erano sotto l'effetto di alcol. Finite le feste, l'uomo si offriva di accompagnarli a casa e i rapporti con l'uno e con l'altro sono stati consumati in un appartamento nella sua disponibilità a Prato e nella sua abitazione in provincia di Firenze. Durante l'interrogatorio di garanzia, il tecnico del suono non ha negato gli incontri con i due giovani ma ha respinto l'accusa della violenza sessuale dicendo che i rapporti erano consenzienti.
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  17.05.2018 h 15:29

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.