28.12.2021 h 10:09 commenti

Via libera alla tribunetta per il LungoBisenzio ma slitta ancora il ritorno del Prato allo stadio

A questo punto la prima data utile dovrebbe essere il 16 gennaio per la sfida dei biancazzurri contro la capolista Rimini. La struttura costerà 26mila euro e avrà una capienza di 150 posti
Via libera alla tribunetta per il LungoBisenzio ma slitta ancora il ritorno del Prato allo stadio
Sarà un’azienda di Latina, la New Cover, a fornire la tribuna mobile al Lungobisenzio. Costerà quasi 26mila euro, avrà 150 posti, sarà posizionata accanto alla tribuna d’onore e dovrebbe arrivare all’inizio di gennaio, già il 3 o il 4. La velocità era proprio uno dei requisiti richiesti dal Comune di Prato nella gara lampo su invito che si è chiusa lo scorso 22 dicembre.
Tre le proposte pervenute ma solo due corrispondevano ai requisiti richiesti anche in termini di dimensioni della struttura. Di queste una ha garantito la consegna a metà gennaio, un orizzonte temporale troppo lungo rispetto alle esigenze espresse dall’Ac Prato per tornare a giocare al Lungobisenzio in attesa che sia completato l’intervento di ristrutturazione alla tribuna d’onore. E anche al Comune di Prato conviene velocizzare l’assegnazione della gestione dello stadio per alleggerirsi dei costi di manutenzione che al momento continuano a essere a proprio carico. E quindi è stata preferita la terza offerta, quella della New Cover, che rispetta indicazioni tecniche e tempistiche di consegna. Seppur a tempo di record, l’arrivo della tribunetta all’inizio del prossimo mese, non permetterà di centrare l’obiettivo di riaprire le porte dello stadio per il 5 gennaio, data della partita in casa di Coppa Italia serie D contro il Follonica Gavorrano. A ridosso e quindi altrettanto impossibile il 9 gennaio, giorno della sfida di campionato contro il Fanfulla. La tribunetta infatti, deve avere il via libera della commissione di pubblico spettacolo che dovrebbe riunirsi nella seconda settimana di gennaio, preceduta dall’esame del progetto dei vigili del fuoco e dall’apertura della Scia da parte dell’Ac Prato. Se tutto andrà bene, seguirà l’autorizzazione del suap e quella della federazione.
Le tante festività che caratterizzano il calendario dei primi dieci giorni di gennaio e i tempi tecnici che in genere richiedono questi passaggi suggeriscono che il 16 gennaio, quando il Prato scenderà in campo contro il Rimini, sia la data della riapertura per gli ottimisti, mentre la successiva del 30 gennaio contro il Ghiviborgo sia quella per i realisti. 


 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  28.12.2021 h 10:09

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.