07.10.2019 h 10:33 commenti

Urban Run per 2.700: una domenica dedicata alla riscoperta del centro storico

La manifestazione ha chiuso una tre giorni dedicata allo sport portando una vera e propria onda azzurra nelle strade della città
Urban Run per 2.700: una domenica dedicata alla riscoperta del centro storico
Sono stati in 2.700 le persone che hanno preso parte alla quarta edizione della Prato Urban Run, disputata ieri domenica 6 ottobre. Sole, divertimento e la scoperta delle bellezze di Prato per tante famiglie che hanno scelto di camminare per le strade della città laniera e visitare monumenti e palazzi storici. 
L'evento ha coronato una tre giorni di sport che hanno visto il Centro Giovanile di Formazione Sportiva come protagonista. con il seminario, venerdi pomeriggio, a Palazzo Banci Buonamici sullo "Sport Giovanile e Stili di Vita" poi sabato il village con il Prato Sport show e la presentazione delle squadre partner del Cgfs e domenica l'onda azzurra di tanti appassionati che hanno vissuto una mattina alla scoperta di posti impensabili. La madrina della manifestazione è stata Arianna Errigo che ha accompagnato il primo gruppo e poi si è esibita in pedana con i ragazzi della Scherma Prato. 
"E' un modo nuovo di fare sport e di vivere il centro storico di Prato con un percorso di circa 5 km dove le famiglie, i bambini, gli appassionati, i cittadini e i turisti - spiega il sindaco Matteo Biffoni -  hanno avuto la possibilità di camminare dentro la città in maniera unica".
Il punto focale è stata piazza delle Carceri con partenza e arrivo. I partecipanti, due gruppi da 80 persone, andavano in direzione Riversibility, Campo dello StreetBasket, visita del teatro-Cinema Borsi, San Domenico e palazzo comunale, passaggio alle nuove Manifatture Digitali Cinema e Bastione Santa Trinita per chiudere poi in bellezza con la visita del Chiostro di San Francesco. 
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  07.10.2019 h 10:33

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.