15.09.2021 h 15:53 commenti

Tutti in classe tra emozione, paura e voglia di normalità

Primo giorno di scuola per gli studenti di elementari medie e superiori. Lezioni all'aperto, controlli green pass, mascherine ma anche nuovi ambienti scolastici. Gli auguri agli studenti del sindaco Biffoni, l'assessore Santi e il presidente della Provincia Puggelli: "Che sia un anno sereno e in presenza"
Tutti in classe tra emozione, paura  e voglia di normalità
Primo giorno di scuola fra emozione, paura e voglia di incontrare vecchie nuovi compagni. Ingressi scaglionati in molte scuole, anche per permettere l'accoglienza delle prime classi, con tanti genitori che hanno voluto accompagnare in auto i propri figli fino all' ingresso della scuola creando lunghe code nella vicinanza dei plessi scolastici anche delle superiori. 
Gli insegnanti, invece, complice la bella giornata, hanno deciso di utilizzare gli spazi esterni per fare lezione, alla Leonetto Tintori  sono anche state inaugurate le nuove aule prefabbricate che ora accolgono due classi, ma terminata la pandemia saranno trasformate in biblioteca e laboratorio d'arte. A tagliare il nastro, l'assessore alla pubblica istruzione Ilaria Santi e il sindaco Matteo Biffoni a cui i ragazzi hanno regalato il diario della scuola realizzato con i  loro disegni e una lettera di ringraziamento per i nuovi locali. "Auguriamo a tutti gli studenti, dai bambini più piccoli ai ragazzi più grandi, un anno normale. Un anno scolastico con ancora qualche regola anti contagio ma in presenza, perché la scuola è fondamentale - ha commentato Biffoni -  se cede la scuola cede tutto il sistema sociale". 
Un inizio segnato dalle nuove regole che non ha creato problemi per quanto riguarda il green pass: "Primo giorno senza problematiche neppure per il certificato vaccinale, tutti lo avevano in regola e il collegamento con la piattaforma è stato immediato- ha spiegato la preside Tina Abbate - da quest'anno non ci saranno più i gruppo fluidi, ma ogni alunno sarà accolto nella propria classe". Intanto che le temperature restano miti gli insegnati hanno scelto di utilizzare il più possibile gli spazi all' aperto. "Insegno matematica - ha spiegato Silvia Magazzini - e oggi ho accolto i miei studenti in un'aula a cielo aperto, credo che cambiare ambiente a secondo dell' attività aiuta a concentrarsi meglio , del resto la mia è una materia che spesso apparse ostica e ogni aiuto va bene". 
Rientro in classe scaglionato anche per gli studenti delle superiori. "Quest'anno - ha commentato il presidente della Provincia  Francesco Puggelli  in visita al Dagomari partiamo con un'arma in più il vaccino, il 35% degli adolescenti si è vaccinato. Restano tutte le norme anticovid con cui si è chiuso lo scorso anno". 
Debutto anche per la preside Claudia Del Pace "Siamo ripartiti con lo scaglionamento, il triennio nella prima parte dell'anno entra alle 8 e il biennio alle 9 e poi si invertirà l'ordine. Sono rientrati anche gli studenti cinesi, ma non siamo in grado di accoglierne altri durante l'anno. Tutte le classi sono complete". 
 
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  15.09.2021 h 15:53

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.