15.02.2017 h 18:52 commenti

Tre centri di raccolta per i rifiuti, ecco dove saranno realizzati e come funzioneranno

Sorgeranno lungo vicino alla pista d'atletica tra la Tangenziale e via San Martino per Galceti, in piazzale Abbè Pierre e in viale Marconi a copertura dell'intero territorio. Il costo complessivo è di 3,3 mln
Tre centri di raccolta per i rifiuti, ecco dove saranno realizzati e come funzioneranno
Nel 2018 Prato avrà tre centri di raccolta dei rifiuti. Sorgeranno tra viale Fratelli Cervi e via San Martino per Galceti vicino alla pista d'atletica, in piazzale Abbè Pierre tra la Declassata e Parco Prato e in viale Marconi tra il campo nomadi e l'area Fiera, nell'ex casa del camionista. Tre punti strategici perchè vicini a importanti assi viari in modo da servire l'intero territorio che una volta attivi sostituiranno il centro di via Paronese, sede di Asm che così potrà trasformarsi in polo per la raccolta differenziata. «Si tratta di servizi fondamentali per i cittadini, che potranno conferire qui qualsiasi tipo di rifiuto domestico, ad integrazione della raccolta porta a porta - spiega l'assessore all'Ambiente Filippo Alessi - Le aree sono grandi 2.500 mq e saranno costruite con grande attenzione alla qualità, facilmente raggiungibili ed accessibili, attrezzate e dotate di sorveglianza. Sono state progettate per essere funzionali al riuso e alla differenziazione dei rifiuti in modo corretto».
La gara per la costruzione dei tre centri è in fase di predisposizione da parte di Asm. Il costo è di 3,3 milioni di euro coperti da Alia, la nuova azienda di rifiuti di ambito metropolitano in cui confluirà Asm dal prossimo 13 marzo. «I tre impianti del Comune di Prato fanno parte dei 33 che il nuovo gestore Alia dovrà costruire in tutto il territorio dell'Ato centro - spiega il presidente di Asm Gianluca Tapparini - Nei prossimi mesi sarà completato il lungo iter amministrativo con la gara d'appalto e i lavori: i centri saranno pronti nel 2018, tutti e tre in contemporanea, in modo da ridurre i tempi di avvio"
Il modello dei tre siti è quello del centro di raccolta a Oste di Montemurlo: le aree, grandi 2500 mq, saranno dotate di pavimentazione impermeabilizzata nelle zone di scarico e deposito dei rifiuti, sistema di  gestione delle acque meteoriche e recinzione di 2 m con minimizzazione dell'impatto visivo. Aperte 7 giorni su 7 e accessibili con tessera sanitaria degli utenti, potranno accogliere rifiuti non pericolosi (ingombranti, inerti, vetro, metalli, sfalci e potature, plastica, legno, carta, organico, abiti, pneumatici) e pericolosi (pile, batterie, farmaci, piccoli elettrodomestici, vernici, oli minerali, contenitori di prodotti tossici ed infiammabili, solventi, acidi e basi, pesticidi, tubi fluorescenti, detergenti, toner). Non si tratta di un deposito, entro 72 ore dal conferimento i rifiuti vengono avviati al riciclo, al riuso oppure allo smaltimento. 
Due dei tre siti, viale Marconi e piazzale Abbè Pierre, sorgeranno su area pubblica. Nel caso di viale Marconi il centro permetterà anche una riqualificazione dell'area e rappresenterà un presidio contro l'abbandono dei rifiuti, molto frequente in quella zona. 
 
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  15.02.2017 h 18:52

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.