12.12.2017 h 10:43 commenti

Tragedia Tignamica, lasciano il carcere i due imprenditori cinesi. Il giudice concede i domiciliari

La coppia ha chiesto e ottenuto di essere sentita dai pubblici ministeri Lorenzo Gestri e Francesco Sottosanti
Tragedia Tignamica, lasciano il carcere i due imprenditori cinesi. Il giudice concede i domiciliari
Hanno lasciato il carcere e sono passati ai domiciliari i due imprenditori cinesi, marito e moglie, arrestati per l’incendio dello scorso 26 agosto nella casa-fabbrica alla Tignamica costato la vita a due operai cinesi. I due indagati, arrestati alla fine di ottobre insieme alla proprietaria dell’immobile Patrizia Carmagnini, dopo aver rinunciato a chiedere al Riesame la revoca della misura cautelare al Riesame, hanno chiesto e ottenuto di essere sentiti dai pubblici ministeri Lorenzo Gestri e Francesco Sottosanti. Accompagnati dal loro difensore, Gabriele Zanobini, hanno trascorso diverse ore sotto interrogatorio fornendo anche un quadro precedente all’inizio dell’inchiesta e dunque arricchendo o approfondendo il ventaglio degli elementi già in mano agli investigatori. La procura ha fornito parere favorevole alla richiesta della difesa di alleggerire la misura cautelare. Marito e moglie sono accusati di omicidio colposo plurimo, incendio colposo e omissione dolosa delle cautele antofortunistiche; i tre capi di imputazione sono condivisi con al proprietaria dell’immobile. I due, inoltre, devono rispondere anche di impiego e sfruttamento della manodopera clandestina. Nessuna misura cautelare per il quarto indagato dell’inchiesta che ormai è a un passo dalla chiusura, l’artigiano che ha lavorato all’impianto elettrico della casa.
 
Edizioni locali collegate:  Prato Val di Bisenzio

Data della notizia:  12.12.2017 h 10:43

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 
 

Digitare almeno 3 caratteri.

 
 
 
 

Speciale