31.08.2017 h 14:01 commenti

Tragedia Tignamica, incontro tra il procuratore e il console cinese. Confermate le identità delle vittime

Il console generale Wang Fuguo ha fatto tappa nell'ufficio del procuratore Giuseppe Nicolosi dopo essere stato ricevuto dal comandante provinciale dei carabinieri. Il diplomatico si è impegnato a fornire un elenco di nominativi di interpreti per aiutare i magistrati nelle indagini che riguardano i suoi connazionali e a promuovere un'attività di sensibilizzazione tra le imprese per il rispetto delle regole
Tragedia Tignamica, incontro tra il procuratore e il console cinese. Confermate le identità delle vittime
Confermate le identità dei due operai cinesi morti alla Tignamica nell'incendio che all'alba di sabato 26 agosto ha distrutto la mansarda nella quale era stata allestita un'attività di confezione. Oggi, giovedì 31 agosto, il console generale di Firenze Wang Fuguo, è stato ricevuto dal procuratore della Repubblica Giuseppe Nicolosi e dai sostituti Lorenzo Gestri e Francesco Sottosanti, titolari dell'inchiesta sulla tragedia costata la vita a un uomo di 39 anni e a una donna di 37. All'incontro ha preso parte anche il comandante provinciale dei carabinieri Marco Grandini che, prima della tappa in procura, si è intrattenuto con il diplomatico al comando di via Picasso.

Ai magistrati il console ha detto che l'identità delle due vittime corrisponde ai documenti trovati nella mansarda. Un conferma importante per consentire agli investigatori di contattare i parenti dei due operai in vista dell'autopsia che sarà fatta nei prossimi giorni. Di più il console non è stato in grado di dire per aiutare il lavoro della procura che di nuovo è tornata sulla richiesta di avere a disposizione interpreti da utilizzare nelle indagini che coinvolgono la comunità cinese. La risposta è stata l'impegno a fare una lista di connazionali che parlano italiano. Una richiesta già avanzata in passato e motivo di screzio tra la procura e il consolato. Nicolosi, senza giri di parole, tacciò di omertà la comunità cinese facendo proprio riferimento al fatto che nessun interprete si era presentato alla sua porta dopo l'appello al consolato. Il console generale si è preso anche l'impegno a sensibilizzare le aziende a operare nella legalità e il procuratore ha subito posto l'accento sulla necessità di coinvolgere quella fetta di imprenditoria che non rispetta nessuna regola.
Quanto all'inchiesta sull'incendio che vede indagata per omicidio colposo plurimo e omissione delle cautele antinfortunistiche sui luoghi di lavoro l'intestataria del contratto di affitto dell'abitazione, il lavoro degli investigatori va avanti a ritmo spedito. I carabinieri, coordinati dai sostituti Gestri e Sottosanti, stanno facendo accertamenti sul materiale sequestrato nella casa-fabbrica, mentre i vigili del fuoco sono impegnati a ricostruire l'esatta dinamica dell'incendio. 
nt
 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  31.08.2017 h 14:01

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus

Digitare almeno 3 caratteri.

 
 
 
 

Speciale