01.06.2021 h 14:58 commenti

Tragedia nell'orditura, sotto esame il telefonino di Luana: gli investigatori alla ricerca di nuovi elementi

Immagini, registrazioni, messaggi: tutto potrebbe essere utile per ricostruire le modalità di lavoro nella fabbrica. Venerdì il consulente incaricato dalla procura di vagliare il macchinario che ha ucciso la giovane mamma tornerà nella fabbrica. I tecnici della casa costruttrice dell'orditoio chiamati a decifrare il contenuto della scatola nera
Tragedia nell'orditura, sotto esame il telefonino di Luana: gli investigatori alla ricerca di nuovi elementi
Il telefonino di Luana D'Orazio, la mamma di appena 22 anni morta lo scorso 3 maggio dopo essere stata risucchiata dall'orditoio al quale era addetta nell'orditura Luana in via Garigliano a Oste, potrebbe fornire nuovi elementi agli investigatori. In attesa di capire se vi siano messaggi, appunti, registrazioni o immagini utili all'inchiesta, pare che non sia stata trovata traccia del vocale che la giovane operaia ha inviato al fidanzato pochi giorni prima dell'incidente. Il messaggio è quello nel quale Luana ha fatto riferimento a – parole testuali – “una macchina che si ferma perché è mezza tronca e ci mette il doppio del tempo”, e ad un “lui” che “è andato via alle tre e mezzo ed è tornato alle 6”. Nello stesso vocale, Luana racconta anche di aver litigato con “lui”, un lui del quale non fa mai il nome.
Dall'esame del telefonino potrebbero spuntare altri particolari (magari cancellati ma recuperabili) in grado di raccontare le modalità di lavoro all'interno dell'orditura, oltre a quanto già emerso  dall'interrogatorio degli altri dipendenti.
Intanto il consulente incaricato dalla procura di ricostruire la dinamica della tragedia attraverso l'esame dell'orditoio, tornerà nella fabbrica venerdì 4 maggio e con lui ci saranno i consulenti nominati dalla famiglia della vittima e dagli indagati: i coniugi Luana Coppini e Daniele Faggi, rispettivamente titolare e amministratore di fatto dell'orditura, e Mario Cusimano, addetto alla manutenzione del macchinario. Le ipotesi di reato sono le stesse per tutti e tre: omicidio colposo e rimozione delle cautele antinfortunistiche. In particolare, la procura contesta la “rimozione della saracinesca protettiva, meccanismo destinato a prevenire gli infortuni sul lavoro”. Un punto, quest'ultimo, su cui molto potrà dire la scatola nera inviata in Germania alla sede centrale della casa costruttrice, la Karl Mayer Texilmachine Fabrik, i cui tecnici sono stati chiamati a decifrarne il contenuto.
Altro aspetto che, col passare dei giorni, assume una sempre maggiore rilevanza, è l'abbigliamento indossato dall'operaia: secondo la tesi della procura, l'orditoio, comunque privo di dispositivi di blocco, avrebbe agganciato la maglietta e trascinato via la ragazza. Si tratta di capire se un abbigliamento più consono, magari prescritto per quella specifica mansione, avrebbe potuto evitare la tragedia.
nt
 
Edizioni locali collegate:  Montemurlo

Data della notizia:  01.06.2021 h 14:58

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.

 
 
 
 

Speciale