06.07.2020 h 13:59 commenti

Tpl, Mobit frena ancora: si allungano i tempi per l'ingresso di Autolinee Toscane

La scadenza del 5 luglio è trascorsa senza che sia stata fatta nessuna delle operazioni necessarie a mettere su strada dal primo agosto la nuova gestione. Il consorzio delle aziende locali annuncia esposti in procura e alla Corte dei Conti. La Regione: "Abbiamo denunciato Mobit"
Tpl, Mobit frena ancora: si allungano i tempi per l'ingresso di Autolinee Toscane
Trasporto pubblico locale, tutto come prima anche dopo la scadenza del 5 luglio indicata dalla Regione come l'ultima per il passaggio dei beni e dei dipendenti da One Scarl-Mobit, il raggruppamento di cui fa parte la pratese Cap, a Autolinee Toscane della francese Ratp finalizzato al cambio della gestione dal primo agosto. Nulla di fatto: le parti non hanno ancora trovato la quadra e, dunque, senza accordo è saltata la scadenza.
E' una storia infinita quella della gara del trasporto pubblico regionale vinta da Autolinee Toscane e scandita dalla battaglia di Mobit che, dopo le sentenze della giustizia amministrativa che hanno legittimato l'aggiudicazione, guarda con speranza all'inchiesta della procura di Firenze che ipotizza il reato di turbativa d'asta a carico del presidente della Regione Enrico Rossi, di due dirigenti regionali e di tutti i componenti della commissione che ha decretato l'assegnazione.
“Sconcerto e indignazione – si legge in un comunicato di Mobit diffuso oggi, lunedì 6 luglio – di fronte a ciò che sta emergendo dall'inchiesta. Abbiamo dato mandato ai nostri avvocati di presentare esposti alla procura e alla Corte dei Conti per reagire a nuovi ed ennesimi atti adottati in favore di Autolinee Toscane tali da aumentare considerevolmente il prezzo di aggiudicazione con un aggravio di almeno 100 milioni per l'erario pubblico e in contrasto con le norme di gara. La circostanza – aggiunge il consorzio – è ancor più grave se si considera che l'offerta di Mobit, già valutata migliore sotto il profilo tecnico, oggi è anche economicamente più conveniente”.
Il presidente della Regione nei giorni scorsi ha annunciato una causa contro Mobit per il risarcimento del danno derivante dalla posizione dominante. Carte bollate che si aggiungono alla montagna di carte bollate collezionate negli anni, ad oggi ormai più di cinque. E a proposito di questo, la Regione Toscana ha diffuso un comunicato per dar conto di un esposto contro Mobit presentato oggi alla procura della Repubblica di Firenze: "In considerazione dell'atteggiamento gravemente diffamatorio e alla luce delle illazioni e del clima intimidatorio - si legge - abbiamo presentato l'esposto e ci riserviamo di adottare ogni altra misura necessaria per garantire la tutela dell'interesse pubblico".  
nt

 
Edizioni locali collegate:  Prato

Data della notizia:  06.07.2020 h 13:59

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.