08.04.2021 h 11:45 commenti

Torna EatPrato, l’enogastronomia incontra la cultura sotto il segno di Dante

La quinta edizione, che prevede anche la versione autunnale e invernale, propone percorsi artistici in città e naturalistici in Val di Bisenzio. Otto appuntamenti nel mese di maggio e una tre giorni dedicata all'enogastronomia a giugno
Torna EatPrato, l’enogastronomia incontra la cultura sotto il segno di Dante
Camminate, degustazioni di prodotti e vini tipici, ma anche cultura, torna EatPrato con una versione quattro stagioni. Il primo appuntamento della quinta edizione,  è quello primaverile nel mese di maggio con otto appuntamenti nei fine settimana, seguito dall’estivo con la tre giorni dedicata all’enogastronomia, l'autunnale con gite sul Montalbano e il Monteferrato e invernale dove la protagonista sarà la pasticceria.
Dall’ 8 maggio al 6 giugno si cammina per le vie della città alla scoperta dei luoghi danteschi, ma anche in Val di Bisenzio citata nella Divina Commedia, il tutto accompagnato da degustazione e menù tipici della tradizione culinaria pratese.
“Siamo alla seconda edizione segnata dalla pandemia – spiega Gabriele Bosi assessore al turismo - gli eventi restano sempre contingentati per numero di partecipanti, ma per quantità sono aumentati. Abbiamo un patrimonio che non è solo artistico, ma anche naturalistico e quindi puntiamo sul turismo lento, in attesa di poter organizzare eventi diversi durante l’inverno.”
Il sabato le guide di FareArte e ArteMia accompagneranno piccoli gruppi in visite guidate all’ interno della città: dai vicoli dove abitavano i cugini di Dante fino ai monumenti storici come l’ex convento dei domenicani e di S. Francesco. Sulle tracce di Dante, in compagnia del Sommo Poeta: le passeggiate saranno accompagnate anche da performance teatrali.
La domenica, invece, è dedicata alle camminate fuori porta in Val di Bisenzio: dalla Rocca Cerbaia, citata da Dante nelle tre cantiche, fino alla Badia di Montepiano, un lungo percorso che farà tappa anche nelle aziende agricole, a partire da quella de Del Bello i cui antenati erano imparentati con Dante. sono previsti anche percorsi naturalistici a cura Appennino Slow.
“Visitare le aziende agricole – spiega Fabrizio Pratesi presidente della strada dei Vini – è un modo per far consecere la storia dei nostri prodotti e la passione che mettiamo nel produrli ogni giorno”
Eat primavera si concluderà con una tre giorni il 4/5/6 giugno nel giardino Buonamici dedicata all’enogastronomia: “La versione stiva sarà l’occasione – spiega Francesco Puggelli presidente della Provincia – per visitare palazzo Banci Buonamici con le sue sale e i suoi affreschi, ma anche per guardare la città da una prospettiva nuova: quella della terrazza.”
Il programma è consultabile al sito www.eatprato.it
Intanto il negozio l’Atipico di corso Mazzoni, dove sono in vendita tutti i prodotti enogastronomici del territorio, a fine mese si trasferirà negli ex locali dell’ Apt in piazzetta Buonamici, la nuova sede è stata pensata anche per le degustazioni e momenti di socialità.
 
Edizioni locali collegate:  Prato Val di Bisenzio

Data della notizia:  08.04.2021 h 11:45

 
  • Share
  •  
 
 
 
comments powered by Disqus
 

Digitare almeno 3 caratteri.